A Misano è grande Italia anche nella Moto2. Mattia Pasini centra la quarta pole consecutiva con un 1’37”390. Il portacolori Kalex Italtrans fa valere il “fattore campo” e sul circuito di casa prenota un posto da protagonista in vista della gara di domani. Alle sue spalle, il capoclassifica Franco Morbidelli: assente per infortunio il rivale (e compagno di squadra) Alex Marquez, l’alfiere Estrella Galicia 0,0 Marc VDS ha trovato un altro “osso duro” sulla sua strada. Che però è lontano soli otto centesimi di secondo. 

CINQUE SU DIECI - Buone le prove dello svizzero Dominique Aegerter, terzo a tre decimi con la Suter del Kiefer Racing, seguito come un’ombra da un ritrovato Lorenzo Baldassari (Forward) che sfrutta le battute finali per risalire forte la classifica. Alle sue spalle, Takaaki Nakagami, seguito da Francesco Bagnaia (anche lui bravo a recuperare posizioni nel finale), Luthi e Simone Corsi (SpeedUp), tra i più veloci sul passo gara. Completano la top ten la KTM di Oliveira e la Kalex di Quartararo. Luca Marini è undicesimo, a sei decimi dalla vetta. Sono 18 i piloti racchiusi in un solo secondo e tra questi c’è anche Stefano Manzi, compagno di team di Bagnaia nello SKY Racing VR46. Più attardati Locatelli, De Angelis (rientrante con la Suter firmata Dynavolt Intact GP) e Fuligni.