"E' una sensazione incredibile e me ne sono reso conto dopo la gara. Sono così felice per me, ma mi dispiace per Tom Lüthi che non ha potuto correre", dice Franco Morbidelli dopo essersi laureato campione del mondo della Moto2.

"Comunque ho fatto una stagione grandiosa con un fantastico supporto dalla mia squadra anche se abbiamo sofferto un po' in qualche giornata. A Sepang volevo fare una buona gara e ottenere il podio, e ci siamo assicurati il titolo..."

Grazie al terzo posto a Sepang e alla defezione del rivale diretto Tom Luthi, infatti l’alfiere Estrella Galicia 0,0 Marc VDS ha conquistato la corona della categoria mediana nell’ultimo appuntamento del triplete asiatico, il penultimo della stagione.

Appena 22 anni, Franco Morbidelli è il primo pilota italiano a conquistare la vittoria nella classe di mezzo dal 2008, quando Marco Simoncelli vinse in 250.

Il 'Morbido' si è aggiudicato il titolo con una gara di anticipo grazie ad una stagione straordinaria, con otto vittorie e un totale di 11 podi in 17 gare.

Morbidelli appartiene alla scuola di Valentino Rossi, la VR46 Riders Academy, e il risultato è frutto anche del grande allenamento sotto lo sguardo attento del maestro nove volte campione.

“Siamo molto orgogliosi”, commenta Rossi. “Perché dopo Marco Simoncelli, Franco è stato il primo pilota al quale abbiamo dato una mano. Sono molto felice e si è completamente meritato questa vittoria. In questa stagione ha mantenuto un livello fantastico”.

Ma questo è solo il primo step: giusto il tempo di festeggiare e fra poche settimane Franco Morbidelli sarà già in sella ad una MotoGP, la RC213V del suo stesso team e in pista troverà anche il suo 'maestro', Valentino Rossi.