Se i primi due giorni di test erano stati dominio italiano con Francesco Bagnaia in Moto2 che aveva fatto registrare il crono più basso, la zampata finale è riuscita a darla Alex Marquez con un tempo da capogiro di 1:40.926.
Per quanto riguarda la Moto3, invece, a sorpresa Tony Arbolino è salito al comando della classifica dei tempi combinati con il tempo di 1:45.498 seguito a ruota da una sfilza di italiani tra cui Dennis Foggia, al suo esordio in Moto3 che si è preso il quarto tempo.

CLASSIFICA MOTO2 – E' stata un'ultima giornata di bagarre quella di Jerez che ha portato Marquez e Bagnaia a combattere a suon di tempi. Nonostante l'italiano fosse riuscito a spuntarla nelle prime due giornata, ieri Alex Marquez ha assegnato il colpo decisivo con un tempo davvero impressionante.
Dietro i due protagonisti, gli altri piloti non hanno che potuto stare a guardare, tanto che al terzo posto si è piazzato Brad Binder del Team Ktm distaccato di ben otto decimi.
Al quarto posto con un tempo di 1:41.840 è arrivato un altro italiano, Lorenzo Baldassarri, seguito al quinto posto da Xavi Vierge con 1:41.960. In sesta posizione si è piazzato invece Miguel Oliveira in 1:41.982, settimo Luca Marini in 1:42.014, ottavo Mattia Pasini in 1:42.053. Hanno chiuso la classifica dei primi dieci i due veterani ex Motogp Hector Barbera e Sam Lowes con un tempo di 1:42.083 e 1:42.130.

CLASSIFICA MOTO3 – Se gli italiani in Moto2 hanno un po' vacillato, i piloti della Moto3 sono riusciti a tenere botta e a rimanere nei posti alti della classifica con il miglior tempo di Tony Arbolino (1:45.498), il secondo posto di Enea Bastianini in 1:45.630, il quarto posto di Dennis Foggia (1:45.943) e il quinto posto di Niccolò Antonelli in 1:46.072.
Nel panino degli italiani, con un terzo miglior tempo è finito invece lo spagnolo Jorge Martin (1:45.785), mentre al sesto posto alle spalle di Antonelli è arrivato Philipp Oettl in 1:46.087. Al settimo posto si è piazzato un altro italiano, Marco Bezzecchi in 1:46.117, ottavo Aron Canet in 1:46.119, nono Nicolò Bulega in 1:46.133, decimo Fabio Di Giannantonio in 1:46.161.
Fuori dai dieci sono arrivati Andrea Migno in tredicesima posizione e Lorenzo Dalla Porta in quattordicesima.