L’obiettivo era vincere per mettere più punti possibili in campionato tra lui e Miguel Oliveira, unico vero rivale rimasto per il titolo iridato. 
Ha svolto il compito alla perfezione, Pecco Bagnaia. Partito forte dalla griglia, il portacolori Kalex dello SKY Racing Team ha imposto sin dall’inizio un ritmo impossibile per tutti gli altri avversari. Vittoria davanti al pubblico di “casa” con oltre tre secondi di vantaggio proprio su Oliveira (Red Bull KTM Ajo) e vantaggio in classifica generale di 8 punti.

ATTO DI FORZA - Un mini bottino che fa sognare Bagnaia e gli appassionati italiani in vista dell’ultima fase della stagione, che si correrà spesso fuori dall’Europa. Una boccata d’ossigeno che fa morale e che manda un segnale forte proprio al portoghese. Il quale, anche oggi, è riuscito  comunque a limitare i danni, visto che nelle ultime tornate è risalito forte dal quarto posto, centrando l’ennesimo podio.

PASINI SFIORA IL PODIO - Terzo si è piazzato Marcel Schrotter. Il tedesco del Team Dynavolt Intact GP (Kalex) non è riuscito a tenere il passo di Oliveira ma nel finale ha controllato bene il vantaggio su Pasini e Mir, conquistando un ottimo risultato. Il “Paso” ha sfiorato il podio sul circuito di casa ma ha dato spettacolo, negli ultimi giri, con lo spagnolo. Poco fuori dalla top five, Lorenzo Baldassarri, che oggi non ha mai dato l’impressione di poter lottare per i primi tre posti. Alle sue spalle, Quartararo, poi Binder, Navarro e Vierge, che completano la top ten.

FENATI, CHE TI PRENDE? - Gara in rimonta per Simone Corsi, buon 11esimo con la Kalex firmata Tasca mentre a punti per i colori azzurri è andato anche Andrea Locatelli, 14esimo. A proposito di italiani, da segnalare la follia di Romano Fenati: in pieno rettilineo, si è avvicinato a Stefano Manzi toccando volutamente la leva del freno anteriore dell’avversario. Un gesto che dovrà essere sanzionato in maniera pesante dalla direzione gara. E qui ci fermiamo.