Dopo due secondi e due terzi posti, mancava solo la vittoria per mettere il sigillo alla sua seconda stagione in pianta stabile nel mondiale Moto2. E la “firma” è arrivata alla penultima gara del 2018, una delle più lontane dalla sua Tavullia. Il 21enne Luca Marini può così festeggiare un obiettivo rincorso per tanto tempo, in sella alla Kalex dello Sky Racing Team VR46. E’ passato sotto il traguardo di Sepang con un secondo di vantaggio sulla KTM del portoghese Miguel Oliveira, che nulla ha potuto contro la voglia di vincere di Luca.

UN GIORNO SPECIALE - “Che gara per tutto il Team e che vittoria! - spiega il trionfatore del GP di Malesia - È stata dura: sono partito subito forte per cercare di stare avanti e respirare con queste temperature. Ho spinto perché, dopo il warm-up, sapevo che ero uno dei più forti. Avevo un ottimo feeling con la moto, sapevo come gestire la gomma e lo sforzo fisico. Ero felice del feeling con la moto, ho cercato di dare il 100% per mettere dello spazio, ma Miguel non ha mollato fino alla fine. È la mia prima vittoria nel mondiale, un giorno speciale da condividere con il Team, l’Academy, tutti quelli che mi hanno sempre supportato e Pecco che ha fatto qualcosa di incredibile”.