La Moto2 rinizia l'anno all'insegna delle novità con il motore Triumph prima di tutto ma anche l'elettronica unificata Marelli. E se la lotta al titolo iridato riparte proprio dal Qatar, dove ci auguriamo di poter siglare una tripletta italiana dopo Franco Morbidelli nel 2017 e Francesco Bagnaia nel 2018, la prima giornata di prove è andata a Lorenzo Baldassarri. Con il crono di 1:58.635 il pilota italiano ha firmato il miglior tempo della giornata arrivato nelle Fp2, quando in Qatar era già sera.

In queste prove libere gli italiani si sono fatti sentire nonostante la classifica dei tempi combinati non gli abbia reso giustizia: sono infatti soltanto tre a comparire nelle prime 14 posizioni valevoli per l'ingresso diretto in Q2, ma il potenziale è alto e non tutti hanno provato il time attack. Quale sarà quindi la strategia per domani?

PROVE LIBERE 1 – Il miglior crono della mattinata (orario italiano) è stato quello del tedesco Marcel Schrotter del team Dynavolt in 1:59.591. Alle sue spalle, Xavi Vierge (Estrella Galicia Marc VDS) ha tentato il colpaccio ma non c'è riuscito ottenendo il secondo piazzamento in 1:59.784, terzo è arrivato invece Bo Bendsneyder in 1:59.920. Tom Luthi (Dynavolt Intact GP) ha girato molto bene rimanendo in vetta alla classifica per la maggior parte del tempo a disposizione, ma poi si è dovuto accontentare del quarto posto con un tempo di 1:59.933, seguito da Andrea Locatelli (Italtrans Racing Team), quinto, in 1:59.961. Al sesto posto lo spagnolo Augusto Fernandez ha girato in 1:59.979, settimo Jorge Navarro (Ego Speed Up) non è riuscito a sfondare il muro dei 2 minuti, così come Luca Marini (Sky Racing Team VR46)che ha chiuso ottavo in 2:00.109. Dietro di lui una doppietta di italiani hanno chiuso la classifica delle prime dieci posizioni con Enea Bastianini (2:00.166) e Lorenzo Baldassarri (2:00.202).

PROVE LIBERE 2 – E' però Lorenzo Baldassarri il pilota più veloce della giornata che ha fatto registrare il miglior tempo nella classifica dei tempi combinati quando in Qatar era già sera. In seconda posizione si è piazzato Marcel Schrotter in 1:58.869, terzo Remy Gardner in 1:58.899, quarto Sam Lowes in 1:58.954. Performance un po' appannata in questa prima giornata per lo spagnolo Alex Marquez che in questa stagione 2019 dovrebbe puntare al titolo iridato: per lui un quinto tempo in 1:58.964. Alle spalle dello spagnolo è arrivato Jorge Navarro ( 1:59.036), settimo Andrea Locatelli in 1:59.054, ottavo Brad Binder in 1:59.059. In nova posizione Xavi Vierge ha firmato il suo best score in 1:59.094, mentre in decima posizione Enea Bastianini (1:59.111) è stato il miglior rookie. Andando avanti, undicesimo è arrivato Augusto Fernandez, dodicesimo Bo Bendsneyder, tredicesimo Thomas Luthi e quattordicesimo Jorge Martin.