A Barcellona, questo weekend, la lotta al titolo iridato si accenderà anche nella categoria Moto2. Categoria di mezzo dove, a detenere la vetta fino a questo momento, è stato Lorenzo Baldassarri.
Il pilota italiano che era partito con grande sprint in questa stagione 2019, ma che poi ha avuto una battuta d'arresto a causa di diversi problemi, dovrà ad ogni costo portare a casa una gara da 10 e lode se vorrà continuare a mantenere la vetta della classifica.

LOTTA APERTA - A tampinarlo, infatti, è prima di tutti Alex Marquez che, al contrario del pilota del team Pons, ha avuto un inizio campionato travagliato ma che adesso sembra aver rimesso insieme i pezzi del puzzle per poter essere davvero competitivo. Tra di loro c'è un distacco di soli due punti.
Guardando al passato, Alex a Barcellona ha collezionato un terzo posto lo scorso anno e un primo posto nel 2017, mentre Lorenzo ha ottenuto un settimo posto nel 2018 e un quarto nel 2017.
Le statistiche, però, potrebbero non significare molto, in più non c'è da dimenticare neppure Thomas Luthi che ha un distacco in classifica di soli quattro punti.
La gara di casa, poi, potrebbe essere a favore degli spagnoli come Jorge Navarro o Augusto Fernandez.

CAPITOLO ITALIANO – Anche altri italiani, però, potranno dire la loro a Barcellona, e sulla scia di un granpremio italiano dove il pilota dello Sky Racing team Luca Marini ha ottenuto un secondo posto, si potrebbe prospettare un altro importante podio per lui.
A fare del loro meglio saranno anche i rookies nostrani come Enea Bastianini, Fabio Di Giannantonio e Nicolò Bulega.
Per loro la gara sarà di certo più in salita, ma non è detto che non potranno stupirci con qualche bel risultato personale.