E' stata una partenza sprint anche per la Moto2 quella che ha visto il via nel lungo weekend di gara a Brno.
A centrare il primo obiettivo di giornata è stato il rookie Fabio Di Giannantonio riuscito ad acapparrarsi, su tutti gli avversari, la posizione di testa.
Ma Brno ha regalato anche una prima grande giornata all'altro rookie Nicolò Bulega arrivato secondo, mentre gli altri italiani, tra alti e bassi, hanno chiuso una prima giornata non proprio al meglio.

PROVE LIBERE UNO – Nelle prove libere uno alti e bassi per i piloti italiani che militano nella classe di mezzo.
L'esordio di Mattia Pasini con il team Tasca Racing è stato senza dubbio il migliore, così come la posizione in classifica che ha visto Mattia quarto e primo tra gli italiani.
Bene anche Nicolò Bulega (Sky Racing team VR46), sesto, mentre gli altri italiani sono rimasti più attardati con Andrea Locatelli undicesimo, Luca Marini dodicesimo, Fabio Di Giannantonio quattordicesimo e Lorenzo Baldassarri quindicesimo.
Le prove della mattina si sono concluse nel segno di Tetsuta Nagashima che ha siglato il miglior tempo in 2:02.080, seguito da Brad Binder che in sella alla Ktm non poteva iniziare meglio il weekend.
Terzo posto per Augusto Fernandez, quarto il già citato Mattia Pasini, seguito da Tom Luthi, Bulega, Lecuona e a chiudere la top ten Jorge Navarro, Sam Lowes e Remy Gardner.
Resta molto indietro il leader del mondiale Alex Marquez, soltanto diciannovesimo.

PROVE LIBERE DUE – Come sempre accade, però, le prove libere del pomeriggio hanno rivoluzionato la classifica provvisoria della mattina portando al comando Fabio Di Giannantonio, qui vincitore lo scorso anno in Moto3.
Alle spalle del rookie italiano si è piazzato però un altro novellino della classe di mezzo, ovvero Nicolò Bulega dello Sky Racing team VR46 andando a mettere a segno una bellissima doppietta tutta nostrana.
Ha conferma la bella prestazione della mattina Nagashima, terzo, mentre Marcel Schrotter si è preso la quarta posizione davanti ad Augusto Fernandez e Tom Luthi.
Si è migliorato invece Alex Marquez passato da diciannovesimo a settimo, mentre Jorge Navarro, Sam Lowes e Luca Marini hanno chiuso la top ten.
Per gli italiani, da segnalare la dodicesima posizione di Mattia Pasini (vittima di una caduta senza conseguenze), la tredicesima di Enea Bastianini e la quattordicesima di Lorenzo Baldassarri.

La classifica dei tempi combinati:

Fabio Di Giannantonio 2:01.695
Nicolò Bulega 2:01.730
Tetsuta Nagashima 2:01.758
Marcel Schrotter 2:01.885
Augusto Fernandez 2:01.886
Tom Luthi 2:01.902
Alex Marquez 2:01.963
Jorge Navarro 2:01.973
Sam Lowes 2:01.978
Luca Marini 2:02.102