E' stata una gara in solitaria quella portata avanti da Brad Binder nella categoria Moto2 del Gp di Aragon.
Una gara nella quale, alle sue spalle, la lotta tra Jorge Navarro, Alex Marquez e Luca Marini è stata davvero combattuta.
L'ordine di arrivo finale ha visto Binder come vincitore, Navarro in seconda posizione e il leader del mondiale Marquez sul terzo gradino del podio.
Luca Marini, invece, si è dovuto accontentare della medaglia di legno, ma dopo una serie di risultati non proprio positivi ha detto di essere soddisfatto di come è andata.
Di seguito le pagelle della categoria di mezzo:

Brad Binder 10
Il sudraficano ha portato a termine una gara perfetta ed è un peccato pensare che dal prossimo anno la KTM non farà più parte della categoria Moto2. Per quanto riguarda Binder, però, niente è perduto perchè farà il salto di categoria in Motogp e ci auguriamo che possa essere competitivo anche qui.

Jorge Navarro 9
In gara è stato davvero una furia e se fosse arrivata anche la vittoria sarebbe stata più che meritata. In ogni caso la sua crescita è esponenziale e chissà che presto non possa prendersi il riscatto mancato ad Aragon.

Alex Marquez 8
Il leader del mondiale ormai ha imparato ad usare la testa durante la gara e nonostante una bagarre accessa ma corretta con Luca Marini, ha capito quando era arrivato il momento di tirare i remi in barca e “accontentarsi” del terzo posto. Bravo, è anche così che si arriva a vincere un mondiale.

Luca Marini 7
E' stato bello rivedere Luca nelle posizioni alte della classifica, così come vederlo battagliare in gara con Alex Marquez. Il lavoro al box, come ha spiegato l'alfiere dello Sky Racing team è ancora complesso, ma chissà che presto non sarà possibile rivederlo sul gradino più alto.

Sam Lowes 6
Lowes di esperienza ormai ne ha e anche molta e in una gara come Aragon dove vinse nel 2016, sarebbe dovuto arrivare in una posizione più alta della classifica, o perlomeno lottare per il podio. Invece, in questa stagione non è riuscito ancora a fare molto, nonostante il quinto posto di Aragon, insieme a quello di Misano siano i risultati migliori portati a casa quest'anno.

Lorenzo Baldassarri 6
La sufficienza per Baldassarri non è legata tanto alla posizione d'arrivo (ottavo), quanto alla voglia che ha, come ha detto subito dopo la gara, di lavorare e riuscire a fare bene interrompendo questo loop negativo che ormai da un po' lo accompagna. Noi gli diamo fiducia e l'augurio è di rivederlo presto sul podio.

Fabio Di Giannantonio 5
Dopo l'ultima gara a Misano che lo aveva visto in seconda posizione, di certo nessuno si aspettava l'undicesima ad una settimana di distanza. E invece, per tutto il weekend Fabio non è riuscito a trovare la quadra ma siamo fiduciosi, dato il suo talento, che dalle prossime gare andrà meglio. Al romano, di certo, la grinta non manca.

Augusto Fernandez 4
Dopo un weekend a dir poco perfetto, Fernandez poteva giocarsi la vittoria e magari racimolare punti importanti su Alex Marquez in ottica mondiale, e invece la tensione lo ha tradito. E' caduto nel primo giro di gara e anche se è riuscito a risalire in sella non è andato più in là della ventiduesima posizione.