I riflettori sono puntati su Danny Kent e sul suo primo match-point a sua disposizione qui a Motegi per vincere il titolo 2015, eppure, al termine di questa prima giornata al Twin Ring, a sorridere è Niccolò Antonelli: il 19enne di Cattolica svetta infatti in entrambe le sessioni del venerdì, chiudendo con il miglior crono di 1’57”500 siglato nelle FP1. In realtà il vincitore di Brno non è stato l’unico a far registrare il miglior crono nel primo turno: alle sue spalle infatti, Miguel Oliveira lo tallona ad appena 1 decimo. Il diretto pretendente al titolo, Enea Bastianini, proprio sotto alla bandiera a scacchi agguanta la ‘prima fila virtuale’. Le Honda si comportano bene sul tracciato di casa: ne è esempio il quarto posto registrato da Livio Loi bravo a precedere sul filo dei millesimi il sudafricano Brad Binder e il francese Alexis Masbou. Soltanto un settimo e un ottavo tempo per il leader della classifica Danny Kent e l’altro pretendente Romano Fenati: separati da appena 54 millesimi, anche quest’ultimi due protagonisti della categoria cadetta non riescono a migliorare il proprio riferimento nella seconda sessione. Jorge Navarro e Pecco Bagnaia chiudono la Top Ten, mentre i primi 14 piloti, l’ultimi dei quali è proprio l’idolo di casa Hiroki Ono, sono racchiusi in un gap di 1”. La categoria cadetta tornerà in pista domani alle 9:00 locali per la terza ed ultima sessione di prove libere, per poi scendere nuovamente in pista alle 12:35 (le 05:35 italiane) per i 40 minuti decisivi delle Qualifiche Ufficiali che decideranno la griglia di partenza del Motul Grand Prix of Japan 2015. Qui la classifica combinata dei tempi.