"Il test è stato buono ma alla fine non siamo riusciti a segnare crono competitivi", è la lucida analisi di Niccolò Antonelli, che nei test di Valencia ha fatto il suo debutto stagionale con il team Red Bull KTM Ajo. Come gli altri piloti impegnati al Ricardo Tormo anche per il romagnolo la prima giornata è stata nel segno delle difficoltà a causa del forte vento. Le condizioni atmosferiche migliori del secondo giorno hanno però permesso ad Antonelli e al suo box di lavorare meglio sul prototipo e migliorare i propri crono mettendo a referto un totale di 64 giri.

SPALLA NON AL 100% - Seppure non al meglio della condizione fisica con gli strascichi del passato infortunio alla spalla ancora presenti, Antonelli ha provato a stare capace vicino al passo del compagno di scuderia Bo Bendsneyder, che è stato il migliore delle due giorni a Cheste. "La cosa più positiva è che abbiamo provato molte novità, è la notizia migliore della due giorni", aggiunge Antonelli. "Ho lavorato duro ma non è ancora abbastanza perché la mia spalla non è al 100%, vedremo come si evolve in vista dell'inizio della stagione. Dai test di novembre la moto è cambiata molto, è un buon prototipo ma devo lavorare di più per capirla meglio”.

Tra un mese il neo pilota KTM sarà ancora in pista a Jerez de la Frontera per le prime prove ufficiali del 2017.