Pista semi bagnata dopo la pioggia caduta durante il primo turno di Motogp.La battaglia si apre subito tra Luthi, Bagnaia, Morbidelli e Pasini. Rientro per Alex Marquez dopo la caduta in prova a Misano che gli ha provocato una piccola frattura al bacino. Dopo venti minuti dalla partenza è Oliveira a balzare al comando in 2:10.569. Intanto è ripreso a piovere in maniera insistente ad Aragon e la maggior parte dei piloti rientra ai box.
I tempi si alzano di ben quattro secondi, a 19 minuti dalla fine sono soltanto sette i piloti che girano in pista.
Condizioni meteo a parte, inizia per quanto possibile il time attack con Luthi che torna al comando, dietro di lui Oliveira, terzo Bagnaia. Morbidelli mantiene il sesto posto seguito a ruota da Alex Marquez suo compagno di squadra. Piove molto a due minuti dalla fine, primo incidente per la wild card Odendaal. Ecco i piloti nei primi dieci posti della classifica: Luthi, Pasini, Cortese, Schrotter, Oliveira, Morbidelli, Bagnaia, Vierge, Fernandez, Odendaal.

Fp2 sull'asciutto per la Moto2 con i piloti che fin dall'inizio girano veloci per riuscire ad entrare nei primi dieci posti.
Luthi si porta subito in testa, lo segue Syahrin, terzo Morbidelli, quarto Bagnaia che con un giro perfetto scavalca gli avversari e si porta secondo dopo venti minuti di gara.
Passano pochi minuti e la classifica si ribalta totalmente, Morbidelli fa il giro veloce in 1:56.249, secondo è Luthi, terzo Manzi, quarto Cortese , quinto Bagnaia.
Intanto si scatena la bagarre e Pasini con un tempo di 1:54.838 si porta in prima posizione ma non si accontenta e a sette minuti dalla fine migliora il suo tempo di 3 decimi.
Morbidelli però non ci sta e conquista la vetta della classifica in 1:54.633, Pasini torna all'attacco e va primo in 1:54.598.
A un minuto e mezzo dalla fine alle spalle di Pasini e Morbidelli c'è Nakagami, Oliveira e Navarro che però cade senza conseguenze.
Alex Marquez grande assente di questa giornata che rientrato ai box a quindici minuti dalla fine decide di non tornare in pista.
Quando sventola la bandiera a scacchi, questi i primi dieci piloti nei primi dieci posti della classifica: Mattia Pasini, Franco Morbidelli, Takaaki Nakagami, Sandro Cortese, Simone Corsi, Miguel Oliveira, Jorge Navarro, Thomas Luthi, Xavi Vierge e Fabio Quartararo.
Fuori dai dieci Stefano Manzi tredicesimo e Francesco Bagnaia sedicesimo.