Si tinge dei colori italiani la pista argentina di Termas de Rìo Hondo nella prima giornata di prove libere del venerdì. I novellini della Moto3 sono stati i primi a scendere in pista con una partenza esplosiva che ha visto una tripletta verde, bianco, rossa nella classifica dei tempi combinati del day 1 sudamericano. Il più veloce della giornata è stato Enea Bastianini, seguito da Lorenzo Dalla Porta, seguito da Tony Arbolino. Una prima giornata davvero positiva per gli italiani che hanno dominato le prove senza tanti problemi se non per il poco grip con l'asfalto al mattino e qualche goccia di pioggia nel pomeriggio.

LA MATTINA - Nelle prove libere 1 della mattina (quando in Italia erano le 14), i pilotini della Moto3 hanno assaggiato la pista argentina senza buttarsi in un vero e proprio time attack. Il vero problema per tutti è stato l'asfalto che, nonostante sia stato sistemato, non aveva il giusto grip. Poco è importato però all'italiano Marco Bezzecchi (Redox PruestelGP) che in 1:52.190 ha firmato il miglior crono delle Fp1. Al secondo posto si è piazzato Adam Norrodin (Petronas Racing) in 1:52.537 schiacciato nel “panino” tra Bezzecchi e altri due italiani: Enea Bastianini (Leporad Racing) arrivato terzo e Tony Arbolino, quarto in 1:52.964. Il favorito dell'anno Jorge Martin reduce dalla vittoria in Qatar è riuscito a rimanere davanti per gran parte delle prove ma è scivolato al quinto posto nelle battute finali. Da segnalare la caduta, a sette minuti dalla fine, di Aron Canet (Estrella Galicia 0,0) e Makar Yurchenko (CIP Green Power). Alla fine del primo turno Bezzecchi intervistato dai microfoni di Sky ha esposto le sue prime sensazioni:”la pista non è il top ma siamo partiti bene, le Honda sono forti ma dobbiamo difenderci.”

IL POMERIGGIO – Quando in Italia erano le 18, i giovanissimi della Moto3 sono scesi in pista per il secondo turno di prove con un meteo instabile che ha minacciato pioggia per tutti i 40 minuti di prove. A spuntarla su tutti diventando leader della classifica dei tempi combinati (Fp1 + Fp2) è stato Enea Bastianini (Leopard Racing) che ha messo in tasca il miglior tempo di giornata in 1:50.397. Quando mancavano sette minuti alla fine i piloti sono tornati tutti ai box e sono rientrati in pista dopo aver fatto il cambio gomme come fosse una qualifica: alle spalle di Bastianini è arrivato Lorenzo Dalla Porta (Leopard Racing) in 1:50.805, terzo Tony Arbolino (Marinelli Snipers) in 1:50.858. Al quarto posto si è piazzato il tedesco Livio Loi (Reale Avintia), quinto Jorge Martin (Del Conca Gresini), sesto il giapponese Kaito Toba (Idemitsu Honda team Asia). Hanno chiuso la classifica Gabriel Rodrigo al settimo posto, Adam Norrodin ottavo, Niccolò Antonelli in nona posizione e Nakarin Atiratphuvapat in decima. Tra gli italiani, Andrea Migno è arrivato sedicesimo, ventunesimo Di Giannantonio, ventiduesimo Dennis Foggia e ventitreesimo Marco Bezzecchi.

La classifica dei tempi combinati:

Enea Bastianini 1:50.397
Lorenzo Dalla Porta 1:50.805
Tony Arbolino 1:50.858
Livio Loi 1:50.899
Jorge Martin 1:51.001
Kaito Toba 1:51.024
Gabriel Rodrigo 1:51.112
Adam Norrodin 1:51.121
Niccolò Antonelli 1:51.161
Nakarin Atiratphuvapat 1:51.216