E’ stata una gara combattutissima e ricca di emozioni quella della Moto3 sul circuito di Brno, caratterizzata da ripetuti capovolgimenti di fronte, staccate al cardiopalma e manovre chirurgiche “carena contro carena”. Un match durissimo, che si decide tutto all’ultimo giro, con Kornfeil, Canet, Di Giannantonio, Bastianini e Rodrigo determinati a conquistare la vittoria. Alla fine la spunta Di Giannantonio che porta finalmente a casa il suo primo, meritatissimo, successo in Moto3.

“È una liberazione, sono tre anni che ci proviamo - dichiara Fabio - Mi sentivo bene sulla moto, sto crescendo e voglio fare qualche cosa in più. Questo è il primo passo. Mi dispiace per il mio compagno di squadra Martin e la realtà ora è che siamo tutti più vicini. Sono pronto per la Moto2 come fisico e anche come guida, ma deciderà Fausto (Gresini, ndr). La moto era perfetta, il team ha fatto un grande lavoro. Il piano era champagne o ghiaia, ho conquistato il primo e dedico la vittoria alla mia famiglia”.