E' suonata presto stamattina la sveglia della MotoGP sul circuito di Buriram, con un caffè in un una mano e la pole di Marco Bezzecchi nell'altra. L'italiano, con un giro al cardiopalma, mentre già stava sventolando la bandiera a scacchi, è riuscito a mettere in riga tutti gli avversari.

MA LA PISTA THAILANDESE, new entry a partire da quest'anno nel Motomondiale, nel sabato di qualifiche ha regalato grandi soddisfazioni a gran parte dei piloti italiani: ben 7 nei primi dieci posti della classifica.

IL GRANDE ASSENTE DELLA GIORNATA è stato senza dubbio Jorge Martin che, a causa di un problema alla mano, è riuscito a fare soltanto due giri in pista, cercando di rientrare a pochi minuti dalla fine per tentare il tutto e per tutto. Il pilota spagnolo, durante la sessione di qualifiche, è stato accompagnato anche al centro medico perché non aveva forza alla mano sinistra, vittima di un infortunio pregresso, ma la fasciatura rigida che gli è stata applicata non è bastata a fargli fare il grande passo, portandolo a conquistare soltanto un 13esimo posto.

TRIPUDIO ITALIANO  - Alle spalle di Bezzecchi, che ha siglato la sua seconda pole dell'anno in 1:42.235, si è piazzato lo spagnolo Jaume Masia e a sorpresa, terzo, il giapponese Kazuki Masaki, che fino ad oggi non era mai riuscito a partire dalla prima fila. Ma la vera sorpresa è stato il trenino di italiani capitanato dal quarto posto di Tony Arbolino, seguito da Niccolò Antonelli, settimo Nicolò Bulega, ottavo Enea Bastianini (scivolato però durante l'ultimo giro), nono Fabio Di Giannantonio e per finire, decimo Lorenzo Dalla Porta.

Bezzecchi, felice per la pole conquistata nel parco chiuso ha dichiarato: “sono contento abbiamo fatto una bella strategia, ero motivato e volevo andare a prendere il gruppo davanti a me, siamo concentrati per domani e vediamo in gara.”

Qui tutti i risultati nel dettaglio