Nel primo round del mondiale trial outdoor 2016, che si è disputato in Catalogna e più precisamente a Olvan, Cal Rosal, Toni Bou su Honda si è confermato al top delle performance nonostante il recente infortunio alla spalla che gli aveva impedito di partecipare al Trial delle Nazioni. Davanti a 6.000 spettatori, il pluricampione del mondo ha conquistato la vittoria, rendendo subito chiare le sue intenzioni: puntare al decimo titolo mondiale outdoor. Il vincitore della prima giornata, tuttavia, è stato Albert Cabestany, che però poi ha chiuso soltanto settimo. "Ho passato una nottataccia, è stato un weekend complicato", ha detto Bou. "Ma il secondo giorno il dolore si è allentato un po' ed è stato più sopportabile, consentendomi di combattere con Adam ai massimi livelli". Chi è tornato ad essere vicino a Bou è stato invece Adam Raga, che si è piazzato secondo davanti al britannico James Dabill. Quarto posto per il basco Jaime Busto, appena diciottenne, che sembra in forte ascesa. Il giapponese Takahisa Fujinami ha chiuso al quinto posto davanti a Jerome Fajardo. Fiammetta La Guidara