Criptico. Non c'è altro aggettivo per definire il Jeffrey Herlings delle ultime ore, in particolare sui social. In Olanda si scrive che il campione del Mondo della MXGP potrebbe abdicare ancora prima del via del Mondiale 2019 – lasciando campo libero al compagno di squadra Antonio Cairoli, alla ricerca del decimo titolo – visto che con l'infortunio al piede occorso in allenamento Herlings salterebbe come minimo le prime quattro tappe stagionali. E allora il pilota della KTM potrebbe cambiare obiettivi. 

Opportunità: postando una foto su Instagram con Max Verstappen, Herlings ha scritto un «Guarire è questione di tempo, ma il recupero può aprire una nuova opportunità». Poi ha aggiunto un «108» come i giorni che in quel momento mancavano dall'apertura del National americano, il campionato outdoor. Secondo quanto si sostiene in patria, l'olandese potrebbe decidere di abbandonare per quest'anno il Mondiale della MXGP – con la corsa al titolo compromessa dall'infortunio e dall'operazione al piede – per andare a sfidare i grandi piloti d'Oltreoceano in un campionato che potrebbe iniziare da zero alla pari con gli altri, che da qui alla Primavera saranno impegnati nel Supercross. 

Ingaggi: Herlings contro Eli Tomac, Marvin Musquin e Ken Roczen non sarebbe una prima volta assoluta, dato che un anno e mezzo fa l'olandese partecipò alla gara di Crawfordsville e fece doppietta. Sarebbe una sfida sicuramente affascinante, anche a livello economico. Il contributo degli sponsor e le iniziative di marketing sarebbero certamente favoriti da una novità del genere, in più i premi delle gare USA sono superiori. La risposta arriverà nelle prossime settimane, quando si capirà se Herlings cercherà un disperato tentativo di rimonta nei confronti di un Cairoli che partirà avvantaggiato in MXGP, oppure se sceglierà di correre negli States da metà maggio.