Dal 2016 la Sei Giorni di Enduro cambierà volto, infatti il numero dei piloti che dovranno formare le squadre nazionali del Trofeo Mondiale e del Trofeo Junior: quattro nel primo caso e tre nel secondo. La FIM dovrebbe ufficializzare nei prossimi giorni questa novità, però la decisione è già stata presa, a Ginevra, dai vertici della Federazione Internazionale. Dal 2016 ai fini della classifica del Trofeo Mondiale verranno considerati validi i tre migliori risultati ottenuti dai quattro piloti in gara, mentre nella classifica del Trofeo Junior il punteggio di due dei tre migliori componenti della squadra. Così la Sei Giorni di Enduro tornerà in parte alle sue origini. Infatti, dopo le prime edizioni del 1913, 1920, 1921, 1922 e dal 1923 al 1932 la classifica nel Trofeo Mondiale c'erano tre piloti in gara. La formula dei sei piloti è iniziata nel 1933. La decisione di ridurre a quattro i piloti del Trofeo Mondiale e a tre quelli del Trofeo Junior è stata presa per permettere alle squadre nazionali che attualmente non dispongono di una rosa ampia di piloti di puntare alla vittoria. La stessa novità regolamentare mira anche a ridurre i costi di partecipazione delle varie federazioni nazionali divenuti troppo alti negli ultimi anni. La classifica del Vaso d'Argento, divenuta Trofeo Junior, è stata istituita nel 1924 e non è cambiata fino al 1955. Nel 1956 c'è stato "l'upgrade" ai quattro componenti della squadra. Nella classifica di Club resteranno in gara sempre tre piloti si conteggeranno i migliori due risultati, mentre in caso di un ritiro il pilota costretto a fermarsi potrà ripartire il giorno successivo, regola fissata per favorire la partecipazione dei piloti privati. Dario Agrati