Solo pochi giorni dopo il Gran Premio di Agadir, che ha riservato molte sorprese e ha offerto un'eccezionale prima gara della stagione, il mondiale di Enduro è sulla strada per il Portogallo, e più precisamente per Gouveia. Il Club Natureza Eventos, che ha organizzato l'evento anche l'anno scorso, ha ancora una volta, disegnato una pista bella e tecnica, che la pioggia annunciata durante il fine settimana dovrebbe rendere ancora più difficile. Come l'anno scorso, il paddock sarà situato a «Senhora dos Verdes» (a 8 km da Gouveia) dove si terranno anche le tre prove speciali del week-end: la Maxxis cross test, la prova di Enduro e il Technomousse Xtreme. Una scelta perfetta per il pubblico che avrà la possibilità di seguire la gara dall'inizio alla fine. Il test Super sarà situato invece nel centro di Gouveia. Il primissimo leader della nuova categoria EnduroGP, Mathias Bellino su Husqvarna cercherà sicuramente di aumentare il proprio vantaggio, ma l'anno scorso su questa stessa pista aveva avuto qualche difficoltà e la pioggia dovrebbe ulteriormente complicare la vita al francese. In effetti, se l'australiano Matthew Phillips ha iniziato la stagione molto bene sulla sua nuova moto della squadra di Fabrizio Azzalin, non lo abbiamo mai realmente visto lui correre sotto la pioggia. Ci sono anche alcuni interrogativi intorno Taylor Robert, statunitense, su KTM e Loïc Larrieu, francese, su Yamaha, che sono nella Top 10 della classe e cercheranno il primo podio della stagione. D'altra parte, alcuni altri piloti sembrano essere pronti e in attesa di correre sotto la pioggia: il francese Johnny Aubert su Beta, ma anche gli inglesi Steve Holcombe (Beta), Jamie McCanney (Yamaha) e suo fratello Danny (Husqvarna) cercheranno di avvantaggiarsi di questa occasione per raggiungere la Top 3. Bella sorpresa e miglior pilota KTM del Gran Premio di Agadir, Antoine Basset: il francese potrebbe puntare al podio. Gli italiani Thomas Oldrati (Husqvarna) e Simone Albergoni (Kawasaki) sembrano essere davvero in attesa di questo fine settimana, dopo un primo round difficile. In Enduro 1 molte aspettative su Eero Remes, su TM, che ha colto un nono e un terzo posto in EnduroGP. Alex Salvini (Beta) che ha finito per due volte 5 °, ha perso il podio ogni volta poco prima della fine della gara e avrà voglia di rifarsi. Lo stesso per Cristobal Guerrero (Yamaha), Davide Guarneri (Honda, nella foto) e Manuel Monni (TM). Il sei volte campione del mondo SuperEnduro Taddy Blazusiak (KTM) cercherà di dimenticare tutta la sfortuna che nel GP di Spagna dello scorso anno lo ha portato ad infortunarsi. Nella classe Junior, Giacomo Redondi (Honda) ha firmato una doppietta perfetta in Marocco e cercherà di continuare la sua striscia vincente a Gouveia dove è stato piuttosto veloce l'anno scorso. Attenzione anche a Josep Garcia, su Husqvarna e Kirian Mirabet, che la settimana scorsa ha debuttato sul podio.