"Per quello che mi riguarda non sono del tutto soddisfatto di come è andato il mio fine settimana, anche se da un punto di vista di classifica di campionato non posso che essere contento, perché al mio diretto avversario è andata peggio ed ho ripreso la tabella rossa; non sono però soddisfatto delle partenze, che hanno reso le mie gare difficili", è il commento di Tony Cairoli dopo che dopo il settimo round del Campionato del Mondo della MXGP, torna a vestire la sua KTM 450 SX-F con la tabella rossa.

L’otto volte iridato aveva iniziato il suo fine settimana con un terzo posto nelle prove libere, seguito da un quinto posto nelle cronometrate. Dopo una partenza difficile dal quinto cancello nella gara di qualifica, Tony è riuscito a rimontare sulla sabbia lettone da oltre la decima posizione alla settima, mostrando una buona velocità, su una pista solitamente a lui congeniale.

"In prima manche ho curvato fuori dai quindici e sono riuscito a rimontare fino al quinto posto, che può andare, ma io voglio lottare per vincere ogni gara ed in questo modo non è possibile", spiega Cairoli.

"Nella seconda manche è andata meglio, ho quasi fatto l’hole-shot ma sono uscito di pista e sono rientrato sesto; fortunatamente la mia velocità era buona e sono riuscito a fare un po’ di sorpassi, risalendo al terzo posto, prima che Gajser cadesse davanti a me. Ero scioccato perché è stata un gran botta ed ho continuato a guidare senza più spingere, terminando secondo, fortunatamente poi mi hanno detto che Tim non ha subito conseguenze”.

Cairoli torna in testa al Mondiale MXGP con 17 punti di vantaggio sul diretto inseguitore. Prossimo Gran Premio tra 14 giorni, sul suolo tedesco di Teutschenthal.