Ancora un fine settimana all'insegna del motocross, ma questa volta a scendere in pista saranno i migliori piloti suddivisi per nazione. Ecco allora che domenica 1 ottobre, a Matterley Basin nel Regno Unito, ben 39 nazioni si daranno del filo da torcere per conquistare l'ambito premio.
Per l'Italia tornerà in pista come capitano della squadra azzurra il nove volte campione del mondo Tony Cairoli convinto più che mai a riportare “a casa” un titolo che manca dal 2002. Insieme a lui, a solcare i terreni fangosi inglesi saranno Michelle Cervellin classe 1996 che gareggerà nella categoria Mx2 e Alessandro Lupino classe 1991 che sarà impegnato in Open, entrambi in sella ad una Honda.
“Ogni anno – spiega Cairoli - cerchiamo di fare meglio con il nostro team e presentarci sempre più agguerriti. Adesso abbiamo una certa esperienza e cercheremo di arrivare sul podio.”
 
FRANCIA DA BATTERE - La competizione che si può definire come le “Olimpiadi del motocross”, vedrà come protagonisti piloti di ogni nazione provenienti dalle categorie MXGP, MX2 e Open che si cimenteranno in tre manche. “Con Tony – dice Lupino – sappiamo di avere in squadra uno dei ragazzi migliori del mondo. Spero che faremo bene tanto da tornare sul podio come nel 2013.” Molto carico in vista della sfida anche Michelle Cervellin che quest'anno ha fatto il salto di categoria: “Per me il motocross delle nazioni è sempre un evento speciale, lo scorso anno ero nella categoria Open quindi sono eccitato di competere in Mx2.”
La competizione prevederà tre manche ciascuna della quale avrà come partecipante due cilindrate contemporaneamente, poi, ogni categoria incontrerà le altre.
gara 1 MXGP + MX2
gara 2 MX2 + Open
gara 3 MXGP + Open
Anche quest'anno la principale rivale sarà la Francia vincitrice delle ultime tre edizioni, l'Italia, invece, lo scorso anno ha finito al quinto posto ottendno 11 punti.