Una morte quasi assurda quella di Eric Geboers: il pilota belga capace di conquistare cinque titoli mondiali nel motocross, è morto annegato, a soli 56 anni. E’ avvenuto ieri, in un piccolo lago in Belgio: il pluricampione del mondo ha visto il suo cagnolino buttarsi in acqua e si è lanciato per cercare di salvarlo. Non è più riemerso: le ricerche per ritrovare il suo corpo sono state sospese ieri sera e sono ricominciate questa mattina, ma ancora senza esito.

La carriera – Eric Geborts, classe 1962, aveva inviato a correre nel mondiale di motocross nelle piccole cilindrate. Nel 1980 si piazzò terzo con la Suzuki, l’anno dopo sfiorò il titolo e nelle due stagioni seguenti riuscì a conquistare l’alloro.

Dopo il secondo titolo era passato alla classe regina in sella alla Honda, ottenendo due altri terzi posti nel 1985 e nel 1986. L’anno dopo passò in 250 e nel 1987 vinse il terzo titolo. La stagione successiva tornò nella classe 500, aggiudicandosi il suo quarto titolo al primo tentativo e ripetendosi nuovamente nel 1990 in sella alla Honda CR.

Si era ritirato dalle competizioni di moto il 5 agosto del 1990, ma, per un certo periodo ha corso nei campionati automobilisti, come il FIA GT.

Dopo il ritiro dalle competizioni attive era diventato team manager, insieme al fratello Sylvain, della squadra Suzuki, che quest’anno segue i piloti Steve Ramon e Clement Desalle.

Faceva parte anche dell'organizzazione del Gran Premio del Belgio di motocross.

Alla famiglia e agli amici di Eric Geboers, le condoglianze di Motosprint.