Due volte iridata nel motocross femminile e più volte campionessa nazionale francese, Livia Lancelot ha disputato la sua ultima gara nella finale del Campionato Mondiale Femminile. Dopo venti anni di gare, tra cui dodici stagioni al livello più alto, la carismatica Livy intraprenderà una nuova sfida nelle prossime settimane.
Per la maggior parte della sua carriera con Kawasaki, Livia ha agguantato numerosi successi sulla moto verde e continuerà a lavorare nel Team Green fino alla fine della serie francese Beach Race.

Ma per una donna così attiva questo progetto non è sufficiente e Livia ha raggiunto un altro sogno: diventerà la responsabile di una squadra coinvolta nel Campionato del Mondo MX2.

NUOVI PARTNER - "Per alcuni anni ho corso con la mia squadra 114 e il mio sogno è sempre stato quello di entrare nel Campionato del Mondo MX2. Certamente sarebbe stato veramente fantastico farlo con i miei attuali partner, ma il coinvolgimento nella classe MX2 è diverso da quello del mondiale femminile, quindi non c'è possibilità di continuare con tutti e soprattutto con Kawasaki”, ha spiegato Livia Lancelot.

“Dal 2007 abbiamo vissuto una storia lunga e ricca di successi e voglio davvero ringraziare Kawasaki Europe, Kawasaki France, Steve Guttridge e Fred Bassaler per il loro sostegno durante tutte queste stagioni: penso che possano essere orgogliosi di ciò che abbiamo realizzato insieme", aggiunge la Lancelot.

Non ancora pronta ad allontanarsi dalle piste, Livia ha raggiunto l’accordo con un'altra marca per continuare le sue attività con il Team 114.

“Tutti sapevano che il mio progetto era di diventare team manager di una mia squadra, ora un altro Costruttore è interessato al progetto e ha deciso di lavorare con me. Il mio nuovo team nella prossima stagione avrà due piloti, Hunter Lawrence e Bas Vaessen, che correranno nel mondiale  MX2. È una sfida per entrare nel Campionato del Mondo MX2 con un nuovo brand, ma sono veramente motivata ??e darò il 110% su questo progetto, come ho fatto quando ero una pilota", conclude.

CHI E’ LIVIA LANCELOT - Nella sua famiglia la passione per le moto è condivisa sia dalla mamma che dal papà Bruno, che ha praticato anche il cross come amatore. Ma dal crescere mangiando pane e motori a diventare campionessa del mondo delle due ruote artigliate di strada ce n’è… e Livia Lancelot l’ha percorsa velocemente, a partire da quando ha inforcato la sua prima moto, una PW 50.

“E’ passato tanto tempo che non ricordo nemmeno più quando è scoccata in me la scintilla che mi ha fatto desiderare la moto”, spiega Livia. “Comunque una cosa è certa: ho imparato a portare la moto quando ancora non sapevo camminare!”

Nata a Saint Denis, a nord di Parigi, Livia ora abita a Capbreton, cittadina che si affaccia sull’Oceano Atlantico, Livia Lancelot ha iniziato a fare motocross a livello agonistico quando aveva quattro anni. Ma perché ha scelto gli sterrati?

“Sono sempre stata molto attiva, sportiva… un po’ un maschio mancato! E in una famiglia di appassionati di motori la scelta del motocross è venuta naturalmente”.

Che cosa ti affascina di più della moto?

“L’accordo perfetto fra la moto e il pilota, l’adrenalina, i salti… E del motocross amo lo spirito di competizione”.

E che siano solo le gare a interessarla non c'è dubbio: Livia non ha una moto per tutti i giorni, anzi non ha nemmeno la patente! Gli sport ama praticarli, tanto che ha un brevetto da educatrice sportiva, ma li segue anche in tv.

“Guardo tutti gli sport e soprattutto quelli motoristici, ma non ho un pilota preferito: traggo ispirazione un po’ da tutti”.

Che fai durante il tempo libero?

“Ascolto musica, soprattutto quella di Pink, amo cucinare di tutto, esclusi solo i dolci, e poi passo molto tempo con il mio cane".