Weekend al di sotto delle aspettative per il pilota italiano sul tracciato di Pietramurata: dopo un ottimo secondo posto nella gara di qualifica, diversi inconvenienti gli hanno impedito di puntare alla vittoria costringendolo alla terza posizione.

Gara1 - Nella prima gara il pilota del KTM Red Bull Factory Racing Team è partito bene, ma un contatto con un avversario ha condizionato l’arrivo alla seconda curva, dove un sasso si è andato ad incastrare tra il disco e le pastiglie del freno, bloccando la ruota anteriore nei salti.

Cairoli: “Con la ruota anteriore bloccata” -Ovviamente per il campionato un podio è sempre un buon risultato”, ha commentato Tony Cairoli. “Ma so che oggi sarebbe potuta andare un po’meglio: in gara uno sono partito bene, ma alla prima curva è successo qualcosa ed un sasso si deve essere infilato tra il disco e le pasticche del freno, facendo bloccare spesso la ruota anteriore. La cosa è stata piuttosto rischiosa e mi ha fatto perdere molto terreno, facendomi scivolare in undicesima posizione, fin quando la ruota non si è sbloccata ed io ho potuto spingere nuovamente a fondo”, ha continuato il pilota KTM. “Sorpassare su questo tracciato è sempre difficile, ma ho fatto del mio meglio per avere la meglio sul maggior numero possibile di piloti, recuperando fino al quarto posto”.

Gara2 -  Nella seconda gara, Tony Cairoli si è lanciato davanti agli avversari in sella alla sua KTM 450 SX-F TC222.

“In gara due ho fatto l’hole-shot ed ho provato immediatamente a prendere il ritmo giusto, ma un piccolo errore in frenata alla curva dopo il traguardo mi ha fatto arrivare lungo, lasciando così la porta aperta a Jeffrey che mi ha superato”, ha detto Cairoli. Ora guardiamo alla prossima gara in Portogallo, sulla bella pista di Agueda, dove il terreno è più morbido e dove è più facile inventarsi traiettorie diverse”, ha concluso Cairoli.

La classifica complessiva - La performance sul circuito di Pietramurata ha consentito al pilota KTM di concludere il weekend sul podio, con un terzo posto complessivo e quaranta punti guadagnati. Tony Cairoli perde però la leadership in campionato, che condivideva con Herlings, vincitore in Trentino. Tony scivola in seconda posizione ma è pronto a riscattarsi tra meno di sette giorni, sulla terra rossa di Agueda per il Gran Premio del Portogallo.