La tappa numero 11 dell’MXGP si è disputata sulla pista di Ottobiano: e per la seconda volta consecutiva Tony Cairoli ha siglato una doppietta, portando a casa l’ottantacinquesima vittoria in carriera. Il siciliano riduceil distacco dalla tabella rossa di Herlings a 12 lunghezze, quando mancano nove gare al termine della stagione. Il pilota del KTM Red Bull Factory Racing Team ha dovuto faticare più del previsto nella gara di qualifica del sabato, quando ha dovuto rimontare dall’ultima alla settima posizione a causa di una brutta partenza e di un incidente nel corso del primo giro.

Cairoli ha portato la sua KTM 450 SX-F alla vittoria nella manche di apertura, dominando dalla prima all’ultima curva. Una caduta in gara due ha reso le cose più complicate, ma non ha cambiato comunque il risultato finale.

LA RIMONTA DALLE RETROVIE - “In generale è stato un buon fine settimana, la gara di qualifica è stata tosta, perché sono partito male e sono caduto durante il primo giro, così ho dovuto spingere parecchio per rimontare dall’ultima posizione”, spiega Cairoli.

Alla fine ero un po’ stanco e sapevo che oggi sarebbe stata ancor più dura con le temperature alte, le condizioni della pista peggiori ed i 10 minuti in più ad ogni manche. In gara uno sono partito bene, ho potuto spingere per tre quattro giri, prendendo un buon vantaggio, per poi controllare fino al traguardo.

“In gara due invece sono caduto nel secondo giro, mentre cercavo di prendere il largo ed ho dovuto rimontare dalla quinta posizione, girando forte e superando gli avversari velocemente per poter portare a casa 50 punti preziosi per il campionato”, continua Cairoli. “Ora pensiamo ai prossimi due Gran Premi in Indonesia, dove farà nuovamente molto caldo e dove vogliamo, come sempre, essere ancora sul podio. Devo dire che gareggiare in Italia è sempre molto bello ed emozionante, perché il pubblico è caloroso ed io sono orgoglioso del loro tifo”.

Prossimo round della MXGP tra 14 giorni sul terreno indonesiano di Pangkal Pinang.