Laia Sanz, motociclista spagnola tredici volte campionessa del mondo di Trial femminile e dieci volte campionessa europea sempre della stessa disciplina che ha già affrontato le sabbie del Rally Dakar, è impegnata in questi giorni in una nuova avventura, l'Atacama Rally edizione 2017.
Cinque sono le tappe totali che si svilupperanno nel nord del Cile con grandi dune di sabbia tipiche del territorio e che per l'edizione 2017 hanno visto ai blocchi di partenza, (la gara è iniziata il 12 agosto e finirà il 18) un numero fitto di concorrenti suddivisi tra moto, quad e auto. E tra di loro c'è anche la tostissima Laia Sanz che ormai ha dato prova della sua grande tenacia in tutto il mondo gareggiando in competizioni in cui la mente non solo devono essere al top, ma serve anche una grandissima prestanza fisica, e Laia ha saputo dimostrarsi un connubio tra tutto questo, in situazioni molto spesso anche rischiose. 

SETTIMANA DIFFICILE - E proprio dal Cile, quasi come un diario giornaliero racconta questa ennesima impresa a dir poco eccezionale: “Sento un buon feeling con la mia moto (la pilota corre in sella ad una KTM) e sono stata felice di essere stata la prima ad iniziare la tappa ed aver percorso in solitudine diversi chilometri.” Se i primi giorni sono stati caratterizzati da buone sensazioni, purtroppo però nella giornata del 15 agosto si è verificato un incidente durante la tappa, tanto che Laia, sempre nel suo “diario di bordo” ha commentato così l'accaduto: “è stato un giorno difficile a causa dell'incidente di Pela Renet (pilota francese in gara che nella caduta si è ferito ad una spalla e al collo ma che non versa in gravi condizioni). Ero vicina a lui quando è successo e con me c'era anche Daniel Gouet ed insieme abbiamo aspettato l'arrivo dell'elisoccorso. Spero che si rimetta presto.”
Le notizie che arrivano invece dalla tappa di ieri riguardano le condizioni climatiche non facili da affrontare: ”il freddo ha avuto la meglio su di me – scrive Laia – ma devo prendere quanto successo con leggerezza in modo che possa servirmi come test per la prossima Dakar.”
A questo punto manca soltanto un giorno alla fine dell'edizione 2017 dell'Atacama Rally ma chissà quali altre sorprese e spunti sarà in grado di darci Laia Sanz.