Una domenica mattina dal clima rigido ma con il sole ha ospitato le ultime tre prove speciali del Monza Rally Show, che ha sancito la sesta vittoria di Valentino Rossi, navigato da Carlo Cassina.

L’equipaggio ha iniziato subito bene, conquistando la vittoria della prima speciale, la Maxi Grand Prix 2, articolata in 45 km: Rossi-Cassina hanno chiuso con 2’’3 di vantaggio su Mikkelsen-Neuville e 6’’ su Bonanomi.

Poi c’è stata la PS Marshall da 7,7 km, dove è risultato primo Bonanomi primo davanti a Valentino, incappato in una penalità di 10’’ perché la sua Ford Fiesta è stata trovata sottopeso (la stessa penalità l’ha rimediata anche Tony Cairoli).

Ma nell’ultima speciale, la PS Monster Energy Stage da 1,350 km Valentino è tornato in testa alla classifica, sia pure piazzandosi al secondo posto nella speciale, con un secondo di distacco da Mikkelsen-Neuville.

Un rally combattuto - “E’ stato uno dei rally più combattuti di sempre, oggi potevano vincere in quattro e ci sono stati molti colpi di colpi di scena”, ha dichiarato Valentino Rossi. “Ora andremo al Ranch con diversi piloti, poi farò le fiere e quando riprenderemo a lavorare proveremo a colmare il gap con i nostri rivali per cercare di essere al massimo per la prossima stagione della MotoGP.”

E’ stata una gara molto serrata, se si considera che alla fine i primi tre equipaggi sono arrivati al traguardo racchiusi in 8’’4. Alle spalle di Rossi si sono piazzati Mikkelsen e Neuville e onanomi-Pirollo, con Cairoli-Fappani leggermente più staccati, a 21’’8.

Nono posto per Mattia Pasini, navigato da Lorenzo Granai, mentre Alessio ‘Uccio’ Salucci, navigato da Mitia Dotta, si è piazzato tredicesimo davanti a Roberto e Luca Brivio. Ventiseiseimo posto per il fratellino di Valentino Rossi, Luca Marini, in coppia con Simone Scattolin.

Il Master-Show – Il norvegese Andreas Mikkelsen ha conquistato la vittoria al Master Show, battendo prima Tony Cairoli e poi Marco Bonanomi, che a sua volta aveva avuto la meglio su Valentino Rossi.