Il Master in Ingegneria della Moto da Corsa è nato per formare specialisti del Bike Motorsport capaci di progettare una moto da competizione, curarne lo sviluppo e le performance in pista.
Il percorso formativo fornisce una preparazione completa su tutti gli aspetti legati alla progettazione e allo sviluppo della moto da competizione, in area motoristica, veicolistica ed elettronica.

Motore sempre a pieni giri, quindi, al Master in Ingegneria della Moto da Corsa, dove il percorso formativo organizzato da Professional Datagest, società di alta formazione bolognese, è stato progettato per fare della passione delle due ruote un futuro professionale. 

Con le prime visite alle aziende d’eccellenza dell’ingegneria motociclistica, la classe della sesta edizione è entrata nel vivo del percorso iniziato lo scorso ottobre e si prepara per lo sprint finale di questa primavera.

Incontri con piloti e squadre - Dalla serata inaugurale con il campione mondiale Enduro Alex Salvini, i 30 appassionati ingegneri allievi del corso hanno approfondito la dinamica del veicolo, la progettazione e il calcolo strutturale dei componenti telaio, l’elettronica e il motore.

Ad accompagnarli in questo viaggio nel know-how più avanzato e specialistico del bike motorsport una squadra di docenti d’eccezione provenienti dai più importanti racing team, tra cui Riccardo Savin, Responsabile Dinamica e Progettazione Veicolo per Ducati Corse e Coordinatore Tecnico del Master, Jose Manuel Cazeaux, Crew Chief di Maverick Vinales nel Team Suzuki Ecstar Danilo Mojoli, consulente motoristica Aprilia Racing e tanti altri.

Numerose le testimonianze e gli interventi delle aziende partner del Master, per approfondire i sistemi di acquisizione e analisi dati su pista, con 2D Data Recording, la progettazione e la prototipazione virtuale, con MSC Software, la simulazione dinamica, con VI-Grade, lo sviluppo della centralina, con Magneti Marelli, la progettazione CAD con PTC Creo e lo sviluppo delle catene di trasmissione in ambito racing con Regina Chain.

L’esperienza sul campo - A fine gennaio la prima trasferta, a Pesaro, nella sede di Andreani Group International, dove dopo l’approfondimento sulle sospensioni con il patron Giuseppe Andreani i ragazzi hanno ricevuto la visita di Paolo Simoncelli. Il papà dell’indimenticato SIC ha voluto portare il supporto della Fondazione Marco Simoncelli, che sin dalla prima edizione patrocina il Master assieme a Confindustria ANCMA e Federazione Motociclistica Italiana.

Qualche giorno fa, gli allievi si sono invece recati a visitare i quartieri generali di Pirelli e Yamaha, dove assieme al General Manager Marco Riva è intervenuto Silvano Galbusera, Crew Chief di Valentino Rossi. 

Un pieno di entusiasmo e passione, dunque, per lanciarsi a gas aperto nella seconda parte del percorso formativo con tante altre testimonianze di prestigiose aziende tra cui Brembo, Cima Ingranaggi e Energica, dove viene realizzata la moto elettrica che monopolizzerà la griglia di partenza del primo campionato mondiale eMotoGP nel 2019.