Nella prestigiosa gara di Endurance 8 Ore di Suzuka Michael van der Mark e Alex Lowes hanno conquistato la quarta vittoria consecutiva per Yamaha. I due compagni di squadra nel Mondiale Superbike si sono fatti valere nonostante qualche difficoltà. Sul podio anche PJ Jacobsen al debutto nel team HRC con Takumi Takahashi e Takaaki Nakagami, mentre Jonathan Rea ed il suo futuro compagno di squadra Leon Haslam hanno chiuso con il terzo posto in sella alla Kawasaki in equipaggio con Kazuma Watanabe.

La gara - Durante le otto ore di gara la Safety Car è scesa in pista in più occasioni, mentreuno scroscio di pioggia ha bagnato il circuito proprio qualche istante prima del via, rendendo le condizioni insidiose nelle prime fasi. Haslam scattava dalla pole position e ha mantenuto la posizione, ma Honda e Yamaha sono andate subito all’inseguimento della ZX-10R.

Kawasaki è stata in grado di mantenere il comando nelle prime ora. Rea infatti ha completato un ottimo stint che lo ha visto protagonista di alcune bagarre con van der Mark, mentre Lowes è sceso in pista nella seconda fase e si è incontrato con Haslam. Il duo Yamaha è stato costretto a fare a meno del terzo pilota Katsuyuki Nakasuga, che in qualifica ha subìto un infortunio alla spalla.

Poi è entrata in pista una Safety Car a causa della pioggia ed i piloti hanno dovuto percorrere il tracciato con le gomme slick. Questo ha penalizzato Kawasaki, perché Rea è stato protagonista di una piccola scivolata che ha fatto perdere secondi preziosi ai box. Nelle ultime ore è così finita indietro e la lotta per la vittoria è diventata una questione tra Honda e Yamaha. Arrivati nelle fasi finali, van der Mark ha preso il comando ed è stato Lowes a tagliare il traguardo davanti a tutti. Yamaha ha portato a casa la vittoria con 30 secondi di vantaggio, ma non è stato facile a seguito della rimonta Honda.

L’europeo più vincente a Suzuka - Van der Mark ha conquistato la sua quarta vittoria a Suzuka ed è il pilota europeo più vincente in questa famosa gara. “È stata davvero dura! Credo che sia stata la mia 8 Ore di Suzuka più complicata a causa di tutti fattori che l’hanno condizionata”, ha detto Van der Mark. “Le cose cambiavano velocemente e nel primo stint credo sia stato uno stint e mezzo. Lì ho pensato che fosse passato il momento più difficile, ma poi sono arrivato al mio terzo e sono stato in sella per un’ore a quaranta minuti a causa di safety car, pioggia. Poi la pista si è asciugata ed è stato davvero complicato. Alla fine abbiamo gestito un buon margine e Alex ha tagliato il traguardo. Sono veramente felice del weekend!”

Lowes a quota tre - Lowes è stato soddisfatto di aver conquistato il suo terzo successo con Yamaha: “Mi sentivo molto bene, la moto era fantastica, lavorava davvero bene. È stato ottimo avere una moto veloce, ci ha reso più semplici i sorpassi”, ha commentato Lowes. “Ovviamente la gara è stata molto complicata in alcuni momenti, tante Safety Car e condizioni meteo difficili. Ma Michael ha affrontato la situazione peggiore, ho avuto una gara più semplice della sua, quindi devo ringraziarlo per l’enorme lavoro fatto. Nella seconda parte di gara dovevamo essere furbi e portare la moto al traguardo".

Nonostante gli sforzi fatti, Honda ha conquistato la seconda posizione con PJ Jacobsen, Takumi Takahashi e Takaaki Nakagami dopo essere anche stata al comando con il team HRC. La fortuna non è stata dalla parte di Kawasaki e Jonathan Rea, Leon Haslam e Kazuma Watanabe si sono piazzati terzi.