L’ultimo round del CIV è andato in scena lo scorso weekend a Vallelunga, con cinque titoli da assegnare, considerando che soltanto Michele Pirro e Luca Bernardi avevano sbancato con due gare di anticipo rispettivamente in Superbike e in Supersport 300.

MOTO3 - Si è confermata una delle classi più equilibrate, con il titolo assegnato all’ultima gara. Nella sfida del sabato è andata in scena una battaglia che ha visto coinvolti ben 6 piloti fin sotto la bandiera a scacchi. A trionfare è stato Kevin Zannoni. Il pilota MF84 Pluston Althea KTM ha lottato fino alla fine, conquistando una vittoria, che acquista ancor più valore in quanto Kevin non era al meglio fisicamente per l’infortunio al polso rimediato al Mugello. Nicholas Spinelli (Pro Racing Team KTM) ha chiuso alle spalle del rivale mantenendosi però in vetta alla classifica generale con un margine di 11 punti. A completare il primo podio di Vallelunga, Alessandro Delbianco: il pilota Mahindra Max Racing Team ha confermato la crescita evidenziata al Mugello

In gara2 a vincere è stato Alessandro Delbianco, al secondo successo stagionale. Ma a trionfare in campionato è Nicholas Spinelli (nella foto in apertura), autore del 3° posto al termine di una gara combattuta come non mai, con Zannoni che ha provato a partire fortissimo cercando l’unico risultato che poteva dargli speranze di titolo: la vittoria. A metà gara Delbianco riusciva a dare uno strappo che gli permetteva di andare a vincere in sicurezza. Nel frattempo la bagarre dietro  si concludeva con Leonardo Taccini secondo ma poi essere squalificato per irregolarità tecnica. Il secondo posto finale è andato quindi a Kevin Zannoni davanti a Nicholas Spinelli, che ha coronato così una stagione dove ha conquistato 2 vittorie e 4 podi.

E’ stata una gara davvero dura”, ha detto Nicholas Spinelli. “Abbiamo battagliato fino all’ultimo, non ho mai mollato. E alla fine è arrivato questo titolo che speravo e sognavo”.

SUPERBIKE -  Il campione italiano Michele Pirro ha trionfato anche a Vallelunga alla sua maniera, mettendo a segno una doppietta. Il sabato Pirro ha mantenuto un ritmo insostenibile per i suoi avversari e facendo registrare il nuovo lap record (1’36.328). Seconda posizione per Matteo Baiocco. L’alfiere Nuova M2Racing Aprilia ha confermato il suo feeling con il circuito romano, e dopo aver conquistato la pole ha ottenuto anche la seconda posizione. A completare il podio Matteo Ferrari, con il pilota DMR Racing BMW che ha ottenuto il suo secondo piazzamento a podio nella SBK.  

La domenica Michele Pirro ha siglato l’undicesima vittoria, ma questa volta il pilota-collaudatore Ducati ha impiegato metà gara ad avere ragione del campione Superbike 2016: Matteo Baiocco. L’alfiere Nuova M2 Racing Aprilia ha condotto in testa la prima parte di gara, arrendendosi solo nell’ultima parte. Ancora un podio invece per Matteo Ferrari (DMR Racing BMW), che ha bissato il terzo posto di sabato riuscendo ad avere la meglio in volata su Andreozzi (Speed Action by Andreozzi Yamaha). La seconda posizione in classifica va a Zanetti, seguito da Baiocco. 

SUPERSPORT -  Il sabato di Vallelunga ha incoronato Davide Stirpe. Il pilota MV Agusta Extreme Racing Service è riuscito a portare a casa una vittoria che gli ha permesso di conquistare la vetta della classifica. La vittoria è arrivata dopo una battaglia con Nicola Morrentino, in testa per la prima parte della gara, ma secondo al traguardo dopo il romano. La terza posizione è andata a Marco Malone, apparso in gran forma sul circuito di Vallelunga.  

In gara2 è andato in scena un duello serrato tra le MV Agusta di Davide Stirpe e Ilario Dionisi. Una battaglia dove Ilario Dionisi ha provato fino all’ultimo a rimediare alla sfortuna del guasto tecnico di sabato. Alla fine però, dopo un gran soprasso all’esterno e un’ultima parte di gara condotta al comando, è stato Davide Stirpe a laurearsi Campione Italiano SS600, con una doppietta nella sua Vallelunga.

La nostra tenacia, costanza e anche ignoranza nel crederci durante tutto l’anno quando eravamo ancora molto dietro in classifica, ha pagato”, ha detto Stirpe.

Terza posizione per Marco Malone che ha bissato il podio del sabato e si conferma pilota da tenere d’occhio. Quarta posizione per Lorenzo Gabellini, altro protagonista della stagione. La classifica di campionato vede Dionisi vicecampione italiano a soli 5 punti da Stirpe.

PREMOTO3 – Nella classe 125 il sabato Matteo Bertelle è incappato in una caduta in pista, che lo ha costretto ad abbandonare la gara, procurandosi anche un infortunio alla mano. Nonostante questo però, con 5 vittorie e 3 secondi posti, il pilota Team Minimoto Honda è riuscito a laurearsi comunque campione italiano Premoto3 125 2T. La gara ha visto ancora una vittoria per Matteo Boncinelli: il pilota RMU ha inanellato il 3° trionfo di fila con la seconda posizione andata alla wild card davanti a Mirko Gennai-

In gara2 ancora una vittoria per Boncinelli, che si conferma pronto per un 2018 al vertice, forte della seconda doppietta di fila. Il fiorentino ha preceduto Mattia Rato, al secondo podio di fila da esordiente della categoria (era al via a Vallelunga come wild card proveniente dalla MiniGP) con Matteo Patacca a chiudere il podio. Non ha preso il via alla gara per infortunio il campione Matteo Bertelle, che ha chiuso per due punti davanti a Boncinelli. 

Nella 250 4T il sabato è stato Pasquale Alfano a trionfare. L’alfiere Kuja Racing Beon, dopo la conquista della pole position, ha portato a casa un’importante vittoria, che acquista ancora più valore in quanto Alfano era partito dalla corsia box a causa di un problema alla moto in griglia di partenza. Seconda posizione a Lorenzo Bartalesi (RMU VR46 Riders Academy), di rientro dalle gare della Red Bull Rookies Cup, con Thomas Brianti a chiudere il podio.  

La domenica fra le 4T vittoria in gara per Alberto Surra, ma con la seconda posizione Pasquale Alfano è il nuovo Campione Italiano di categoria. Una gran crescita quella del pilota Kuja Racing Beon, che siglato 6 vittorie e 3 podi.

Una vittoria straordinaria, sono troppo contento”, ha detto Alfano. “E’ stato bellissimo ancora non ci credo e voglio ringraziare tutta la mia famiglia e tutti quelli che hanno creduto in me fin dall’inizio”. La terza posizione è andata a Thomas Brianti che non è riuscito a concretizzare una stagione comunque di tutto rispetto che lo ha visto quasi sempre in testa al campionato.  

SUPERSPORT 300 – Con il titolo già matematicamente nelle mani di Luca Bernardi, è arrivata la prima vittoria di Kevin Sabatucci. Il pilota ProGP Yamaha è riuscito a battere i tanti rivali in pista, a cominciare da Bernardi, che si è piazzato alle sue spalle. Sul podio la Kawasaki del Team GP Project di Marco Carusi, pilota parte del progetto Talenti Azzurri FMI, che ha ereditato la posizione dacon Paolo Grassia, 3° sotto la bandiera a scacchi ma squalificato per irregolarità tecnica.

In gara2 arrivo al fotofinish tra quattro piloti: a spuntarla è stato Marco Carusi che è riuscito ad avere la meglio su Paolo Grassia, e Nicodemo Matturro, 3° in gara dopo essere scattato addirittura dalla 17° posizione, e autore anche del best lap 1’51.559. Ai piedi del podio il campione Luca Bernardi. Con la vittoria, Carusi conquista la seconda posizione in campionato.