E’ ufficiale: Claudio Corti correrà nel tricolore di velocità. Il forte pilota comasco è reduce da un’esperienza nel campionato Moto America con l’Aprilia RSV4 RF del team Houston Superbike, dove si è tolto più di una soddisfazione. Corti, infatti, è stato il primo pilota italiano a tornare alla vittoria in terra americana dopo un lungo digiuno: la sua vittoria, nel 2016, sul circuito georgiano di Road Atlanta, è arrivata esattamente venti anni dopo quella di Alex Gramigni nell’allora AMA Superbike. E nel 2016 Corti ha chiuso il campionato Moto America Superstock al terzo posto.

Ma per Claudio ‘Shorts’ Corti è tempo di tornare in Italia. E lo farà in sella alla Yamaha R1 del MotoZoo Racing Team e Valli Moto.

Claudio Corti, classe 1987, si è aggiudicato il campionato europeo Superstock 600 nel 2005, per poi passare nella Superstock 1000 FIM Cup fino al 2009, piazzandosi secondo alle spalle di Xavier Simeon.Dopo due stagioni in Moto2, nel 2012 passa brevemente al Mondiale Superbike, per poi correre in MotoGP, ottenendo qualche piazzamento a punti con la CRT del team Forward Racing nel 2013. L’anno dopo ha corso in Superbike con la MV Agusta, piazzandosi 17°. Infine, il MotoAmerica.

Il team - Un impegno a 360 gradi quello del Team MotoZoo per il 2018: la squadra prenderà parte al Trofeo Dunlop Cup 1000 con Claudio Sergiovich, al trofeo monomarca Yamaha R1 Cup con Paolo Blora, ex campione italiano superbike e campione in carica Trofeo Italia Interforze, e Massimiliano Troiani, e nella categoria SuperSport 300 con Ryogo Iwata e Shogo Kawasaki, due giovanissimi piloti giapponesi. Spazio anche a nuove promesse delle due ruote con la presenza al Trofeo Motoestate Open di Paolo Cristini e Andrea Maestri.

La squadra è capitanata da Fabio Uccelli, con il campione del mondo della 125 Roberto Locatelli nelle vesti di mental coach e manager Roberto Locatelli.

(Fiammetta La Guidara)