Il circuito del Mugello ha ospitato il secondo round del CIV, il tricolore di velocità che si rivela sempre più spettacolare, con griglie di partenza ricche di partenti e gare molto combattute.

Superbike - Nella classe Superbike sono stati ancora Michele Pirro e il Team Barni a dettare legge: il pilota Ducati ha continuato a non dare scampo agli avversari, portando a casa un’altra doppietta. In qualifica Pirro ha siglato anche il nuovo record del circuito per la Superbike in 1’49.436.

In gara1, il campione in carica ha condotto alla sua maniera, partendo subito fortissimo, siglando il best lap e andando a vincere con distacco. Dietro di lui è stata invece lotta dura tra il compagno di squadra Matteo Ferrari e Lorenzo Zanetti del team Ducati Motocorsa, agguerriti fino alla bandiera a scacchi, sotto la quale ha prevalso Ferrari con Zanetti terzo. Meno fortunato il pilota Yamaha Faieta Motor by Speed Action, Alessandro Andreozzi, che è stato in bagarre per il podio fino all’ultimo, ma è stato fermato da una caduta.

Gara2  ha visto la replica del predominio di Michele Pirro, che ha imposto un ritmo insostenibile agli avversari e ha vinto con un margine di oltre nove secondi. Il campione in carica non è stata però l’unica conferma del box Barni, che ha ottenuto un doppio secondo posto grazie a Matteo Ferrari. Terzo gradino del podio per l’alfiere del team Nuova M2 Racing, Andrea Mantovani, che ha provato a lungo a stare in scia a Matteo Ferrari per tentare il sorpasso, arrendendosi solo nel finale.

La classifica generale vede Michele Pirro in testa con il punteggio pieno di 100 punti, seguito dal compagno di squadra Matteo Ferrari con un totale di 80 punti e da Zanetti, terzo con 70 punti.

Moto3 - Non poteva esserci esordio migliore al CIV 2018 per Stefano Nepa, Campione CIV Premoto3 250 2014, che ha trionfato in gara1 sul circuito nonostante non fosse al meglio fisicamente dopo aver saltato il primo round a causa di un infortunio rimediato al Mondiale Junior.

In gara1 Stefano Nepa ha firmato il best lap con un crono di 1’58.578 andando a vincere in solitaria con un distacco di oltre nove secondi dai suoi avversari, mentre dietro di lui è stata bagarre fino all’ultimo metro tra cinque piloti che si sono dati battaglia per tutta la durata della gara. Alla bandiera a scacchi ha prevalso Riccardo Fusco, del team Gradara Corse, secondo davanti a Zannoni, Rossi, Carraro e Spinelli. Settima posizione per il pilota di casa Lorenzo Bartalesi.

La seconda gara ha confermato che Stefano Nepa sarà un rivale duro da battere nel corso dell’anno, ma ciò non spaventa gli avversari, soprattutto il pilota Honda Gresini Racing Junior, Riccardo Rossi, che dopo la pole conquistata nella gara di sabato, ha corso con un ottimo ritmo, firmando il best lap e lanciandosi all’inseguimento di Stefano Nepa per poi vincere al fotofinish. Nepa ha chiuso secondo, pagando una leggera difficoltà con le gomme nel finale.

Terza posizione per l’alfiere TM Racing Factory 3570 MTA Kevin Zannoni, che conquista punti importanti in ottica campionato; più sfortunato il campione in carica Nicholas Spinelli, che è stato a lungo in bagarre con Rossi e Nepa, ma è scivolato nelle ultime tornate, chiudendo comunque decimo.

Nella classifica generale, Nicholas Spinelli è ancora in testa con 66 punti, seguito a distanza di un punto da Zannoni e da Rossi terzo con un totale di 59.

Supersport 600 - La classe si è arricchita con nuovi protagonisti, che nella prima gara si sono fronteggiati in una bagarre combattuta, nella quale ha primeggiato il pilota Honda Roberto Mercandelli, autore di una grande gara e di uno strappo finale che gli ha permesso di portarsi a casa una meritata vittoria. Dietro di lui Stefano Valtulini, del team Pleo Racing Kawasaki, che è tornato nelle posizioni di vertice, davanti al campione in carica Davide Stirpe, autore di una spettacolare rimonta dalla dodicesima posizione.

Stirpe è riuscito a migliorare i suoi risultati nella seconda gara, trionfando al fotofinish dopo una bagarre a sette piloti nella quale ha resistito ai tentativi di sorpasso degli avversari. Dietro di lui doppietta per il Gas Racing Team, con la seconda posizione conquistata da Massimo Roccoli e il terzo posto di Mattia Casadei, che è riuscito a tenere fisicamente, conquistando il primo podio nella categoria dove è all’esordio in questa stagione. In classifica generale Davide Stirpe è leader con 77 punti, davanti a Manfredi e Bussolotti a parimerito con 59 e Gabellini terzo con 52.

Premoto3 – Nella classe 250 4T la prima gara si è conclusa con un arrivo in volata che ha premiato Alessandro Morosi. Il pilota Full Moto Squadra Corse RMU è riuscito ad avere la meglio su Mattia Rato e Filippo Palazzi, che hanno chiuso rispettivamente secondo e terzo il podio di categoria. In Gara2, a trionfare dopo una lunga battaglia è stato Davide Cangelosi, che ha rimediato nel migliore dei modi alla caduta del sabato. Dietro di lui, è tornato sul podio Alberto Surra, seguito da Francesco Mongiardo al terzo posto.

In classifica generale comincia ad essere consistente il vantaggio di Surra, in testa con 80 punti, davanti a Mongiardo e Mastroluca, entrambi a quota 53, e a Morosi, terzo con 51.

Nella classe 125 2T, in gara1, l’esordiente Manuel Margarito è riuscito a vincere davanti al poleman Mirko Gennai con Jacopo Hosciuc a chiudere il podio.

In gara2, l’alfiere Honda ha conquistato la doppietta, precedendo sul podio Jacopo Hosciuc e Filippo Bianchi, rispettivamente secondo e terzo, mentre il poleman Gennai è incappato in una caduta. Hosciuc domina la classifica generale con 81 punti, seguito da Bianchi con 74 punti e da Margarito a quota 50.

Supersport 300- La Supersport 300 si conferma una categoria molto combattuta, con Thomas Brianti che ha tagliato due volte il traguardo per primo, ma è stato squalificato per irregolarità tecnica in gara2, regalando la vittoria a Manuel Bastianelli.

Gara1 ha regalato uno spettacolare arrivo in volata che ha visto protagonisti ben otto piloti con in testa il pilota KTM Thomas Brianti, che dopo l’exploit di Misano, dove aveva vinto con distacco, ha faticato ad avere la meglio sui suoi avversari. Seconda posizione per Kevin Sabatucci, che ha combattuto fino all’ultimo per la vittoria nonostante i postumi di un infortunio. A chiudere il podio lo spagnolo Marc Luna Bayen, del team CM Racing Kawasaki, autore della pole e di una gara consistente.

In gara2 vittoria per Brianti, ma la sua squalifica ha regalato la vittoria a Manuel Bastianelli, del team Prodina Ircos Kawasaki, seguito da Kevin Sabatucci al secondo posto e Gabriele Giannini al terzo. Questo risultato ha permesso a Sabatucci di portarsi in vetta nella classifica generale, con 81 punti, davanti a Sabatucci a quota 72 punti e a Brianti, terzo a 50 punti.