Dopo la gara della Pikes Peak, adesso ne parte un’altra: quella di solidarietà per supportare la mamma di Curlin Dunne, il pilota Ducati scomparso a pochi metri dal traguardo in un tragico incidente lo scorso 30 giugno. A organizzare la raccolta fondi è Ducati Nord America insieme agli organizzatori della Pikes Peak International Hill Climb e il ricavato andrà a favore di Romie, la mamma del pilota, in questo momento difficile.

OBIETTIVO 100.932 dollari – La prima donazione di 932 dollari è stata effettuata dal Consiglio di Amministrazione della Pikes Peak International Hill Climb. L’obiettivo è quello di raggiungere la cifra di 100.932 dollari. Il 932 rappresenta l’ipotetico tempo (9’32”) che Carlin Dunne, avrebbe fatto conquistando anche il nuovo record del tracciato, se non fosse incappato nella fatale caduta, occorsagli a pochi metri dal traguardo.

LA RACCOLTA FONDI ONLINE – La pagina creata su GoFundMe è l’unico canale ufficiale per le donazioni ed il supporto a favore del pilota: www.gofundme.com/carlin-dunne-932. A questo link è disponibile anche l’ultima registrazione del video blog di Carlin Dunne, fatta il giorno prima della gara, così come l’emozionante tributo dei suoi avversari, che gli hanno reso omaggio durante la cerimonia di premiazione. I fondi raccolti serviranno per celebrare le sue esequie e per aiutare la mamma a tenere sempre vivo il ricordo di Cartlin.

CHI ERA CARLIN DUNNE - Carlin Dunne ha vinto quattro volte la Pikes Peak International Hill Climb, è stato Rookie of the Year nel 2011 e ha infranto la barriera di 10 minuti l'anno successivo, stabilendo un nuovo record che è rimasto imbattuto per cinque anni. Poi si è offerto per due stagioni per far parte della Squadra Alpina Team Ducati, con il programma Race Smart, mentore dei debuttanti alla gara in montagna. Era amato, rispettato e ammirato.
Dopo la gara, alla cerimonia di premiazione di lunedì, i concorrenti hanno reso omaggio a Carlin come mentore, amico, concorrente, icona delle corse e hanno parlato dell'impatto che ha avuto sulle loro vite.
Oltre al suo impegno a Pikes Peak, la passione di Carlin per le due ruote ha assunto tutte le forme. Ha corso e vinto la Baja 500, ha corso nella Baja 1000, ha gareggiato nella serie Super Hooligan Bonneville Land Speed ??Racing, è stato un pioniere della Freeride Mountain Biking, è stato partner di Ducati Santa Barbara e ha lavorato come stunt in moto sia per la televisione che per il cinema, tra molti altri successi.