Jonathan Rea sta scrivendo una pagina importante di storia: sabato 30 settembre ha conquistato il terzo titolo consecutivo nel mondiale Superbike e sul circuito di Magny Cours il nord-irlandese è stato incoronato campione del mondo con cinque gare d'anticipo. Dopo un’ottima prestazione con la sua Ninja ZX-10RR, infatti, Rea ha vinto il terzo titolo al termine di Gara1, durante una stagione che l’ha visto protagonista più volte, e grazie a questo terzo grande successo, il suo nome è entrato nella storia.

Dopo aver ottenuto questo storico titolo, Rea sta rapidamente diventando noto come uno dei grandi del WorldSBK, al fianco del suo connazionale Cal Fogarty.
LA CARRIERA - Jonathan Rea ha mosso i suoi primi passi nel motocross ed è poi passato alle corse su strada, disputando la serie britannica. Sulla scena mondiale è arrivato nel 2008, nel mondiale Supersport, per poi passare l’anno successivo in Superbike con Honda – ottenendo ben 15 vittorie. Salito sulla Kawasaki nel 2015, Rea si è rapidamente adattato alla sua Kawasaki Racing Team Ninja e ha conquistato il primo titolo nello stesso anno. 
 
Da quel momento il nord-irlandese è diventato inarrestabile e si è ripetuto anche nel 2016, ottenendo il titolo nell’ultimo round di stagione in Qatar, concludendo con 51 punti di vantaggio sul compagno di squadra Tom Sykes (Kawasaki Racing Team). Diventato il primo campione del millennio ad aver conquistato due titoli di fila, è arrivato nel 2017 con l’obiettivo di scrivere una nuova pagina di storia.
 
LA STAGIONE - Un buon pre-campionato ha messo il 31enne in una buona posizione per difendere il titolo iridato e ha iniziato la stagione in vero stile Rea firmando la pole position e la doppietta sulla pista australiana di Phillip Island. Il secondo round, a Buriram, l’ha visto dominare nuovamente il fine settimana, facendo sue la pole position e le due gare, arrivando in Europa con 30 punti di vantaggio in campionato.
 
Con già un forte vantaggio in classifica, il pilota di Ballymena non ha mostrato segni di rallentamento. Rea è riuscito a fermare il rivale britannico Chaz Davies su Ducati in Gara1 al MotorLand Aragon, prima di continuare la sua splendida stagione al TT Circuit Assen per il quarto round, portando a 11 le vittorie in Olanda.
 
LA CONCORRENZA - Rea ha affrontato una dura concorrenza durante la stagione, con Davies vincitore sulla pista di Imola e Sykes molto forte sulla sua pista preferita di Donington Park, ma il campione ha continuato a essere costante round dopo round, chiudendo giù dal podio solo nella prima gara disputata sulla pista inglese, a causa di un problema alle gomme. 
 
Rea è arrivato alla pausa estiva con 59 punti di vantaggio dopo le vittorie ottenute a Misano e a Laguna Seca. Tornato in pista ad agosto al Lausitzring, Rea ha faticato di fronte al dominio di Davies, ma i due secondi posti ottenuti non hanno fatto preoccupare più di tanto il campione del mondo in carica.
In Portogallo mentre il suo compagno di squadra Sykes era costretto a saltare entrambe le gare. A Magny-Cours, nonostante le difficili condizioni della pista, Rea ha conquistato la prima la pole position su pista bagnata e ha successivamente dominato tutti i 21 giri di Gara1, ottenendo la sua 12esima vittoria stagionale, determinante per il titolo.