Impossibile tenere Eugene Laverty lontano dalle gare. "Dieci giorni fa, avevo accettato il fatto che non sarei stato in grado di guidare né a Donington né a Laguna Seca”, ha detto il pilota irlandese. “Ma senza un obiettivo tangibile mi sentivo affranto e ho iniziato a pensare che sarei potuto tornare in vista di Laguna Seca. È un circuito antiorario, quindi stresserà meno il polso".

In realtà Laverty ha annunciato che sarà presente al circuito di Leicestershire e, se dovesse superare i controlli medici di idoneità, tornerà in azione già in questo fine settimana, nel Regno Unito.

LA DOPPIA FRATTURA - Sono passati quasi due mesi da quando il portacolori del team Goeleven era in azione a Imola ed è caduto durante la prima sessione di prove libere ad Imola fratturandosi entrambi i polsi.

In occasione di quello stesso round e poi a Jerez, è stato Tommy Bridewell a prendere il suo posto, poi a Misano Lorenzo Zanetti ha difeso i colori del Team Goeleven ma a Donington Park sarà di nuovo l’irlandese a salire in sella alla Panigale V4 R. Se la commissione medica lo dichiarerà ‘fit’.

PROGRESSI LENTI - Laverty sperava di tornare già per il round di Misano, ma i progressi sono stati più lenti del previsto. 

"Dopo sei settimane di progressi lenti il mio polso destro finalmente ha superato la fase acuta quindi inizio a considerare la possibilità di tornare già a Donington. Ieri guidato una moto 300cc e ho testato la mia posizione di guida per capire come gestire il dolore", ha aggiunto Laverty.a

DONINGTON SPECIALE - Per Laverty il circuito di Donington ha un significato particolare: qui fece il suo debutto nel mondiale 125 e successivamente nel mondiale Supersport. 

"Donington sarà una grande sfida fisica, però mentalmente posso sopportarla se ci sarà la possibilità di correre. Non posso far tacere il pilota che è dentro di me", conclude il pilota irlandese.