L’estate e la pausa (lunga, troppo lunga) estiva del mondiale Superbike sono l’occasione per tirare le prime somme della stagione. In MV Agusta è Andrea Quadranti, team manager della squadra Superbike, a fare un primo resoconto per il sito ufficiale del campionato.
“Non mi aspettavo un miglioramento così rapido - ha detto Quadranti - abbiamo rivisto il progetto dopo la gara australiana e ora la moto pesa meno, abbiamo fatto molti passi in avanti con l’elettronica e siamo molto soddisfatti di Leon. Ci piacerebbe continuare con lui, è un mio desiderio. So che c’è ancora molto da tirare fuori dalla moto, anche se è un progetto vecchio”.

TOP FIVE - Su diciassette manche fin qui disputate, Leon Camier (unico pilota schierato nel mondiale dal team italiano), ha conquistato quattro volte la top five, sfiorando per due volte il podio in Inghilterra e in Olanda. Risultati, questi, che gli hanno permesso di centrare l’ottava posizione provvisoria in campionato. Ma c’è ancora tanto lavoro da fare sulla F4 attuale. “Perdiamo molto in potenza e siamo ancora molto lontani dai primi se guardiamo le velocità nei vari circuiti - ha spiegato il team manager italiano - ma abbiamo un limite che deriva dal vecchio disegno del motore che ci impedisce di lavorare come vorremmo. Abbiamo altre soluzioni e per aumentare un po’ la velocità cercheremo di fare una moto più leggera. Spero anche che avremo un inverno con tempo discreto e budget necessari a realizzare test adatti”.

NOVITA’ IN ARRIVO - Camier è l’unico pilota, in MV Agusta, chiamato a svolgere il lavoro di sviluppo sulla moto. Per questo motivo, i vertici del team stanno valutando l’ipotesi di affiancargli un altro pilota al box nel 2017. “Per il prossimo anno stiamo analizzando la situazione e iniziamo a pensare ai due piloti - ha rivelato Quadranti - ha senso ora che siamo più competitivi, per avere anche qualcun altro con cui condividere i dati quando facciamo i test. Avremmo anche la possibilità di fare più punti, ci sembra una buona idea schierare il prossimo anno due moto nel WorldSBK e una nel WorldSSP. Staremo a vedere...”