“Sul circuito ad Assen correrò la mia 200esima gara in carriera nel WorldSBK, è qualcosa di cui sono orgoglioso e anche entusiasta", annuncia Jonathan Rea.

Il campione del mondo in carica arriva al TT Circuit Assen con un vantaggio di cinquanta lunghezze in classifica, ma è cauto in vista dell’immediato futuro sullo storico tracciato.

"Sono emozionato all'idea di correre ad Assen", dice Rea. "Dalla gara del Motorland Aragon abbiamo avuto tre giorni di test dove abbiamo lavorato sodo per migliorare il set up della ZX-10RR, con risultati positivi.

"Il week end ad Assen è sempre in questo periodo dell’anno e guardando al passato il meteo può giocare la sua parte, quindi è importante essere veloce sia sull’asciutto sia sul bagnato. È sempre un piacere correre davanti al pubblico olandese, che è molto caloroso", conclude Rea.

SYKES: DISTRATTO DAI PROBLEMI - Ad essere contento dei progressi fatti nel test è anche Tom Sykes: il 31enne non può ignorare i suoi problemi di salute che hanno condizionato il lavoro sulla sua Kawasaki e guarda all’Acerbis Dutch Round con ottimismo.

In questa pausa di tre settimane Tom Sykes ha curato i problemi che ha avuto all’apparato digerente e che l’hanno rallentato nel terzo round al MotorLand Aragon. Il britannico è alla ricerca di risultati positivi in questo prossimo quarto appuntamento stagionale.

“Non vedo l’ora di tornare in pista ad Assen”, ha detto Sykes.Devo solo vedere come mi sento fisicamente dopo i problemi che ho avuto. Questo mi ha un po’ distratto, ma sono pronto a tornare in Olanda per correre. Anche se non ero al massimo della forma abbiamo ottenuto dati importanti nei test. Mi piace molto Assen, come credo ad ogni pilota. Abbiamo fatto alcune piccole modifiche al set-up e alcuni miglioramenti che porteremo questo weekend”.