Anche quest'anno il dominatore vuole essere lui: Jonathan Rea e la sua Kawasaki ZX-10 RR ufficiale. Questa mattina aveva concluso il primo turno di prove libere al secondo posto alle spalle del suo compagno di squadra Tom Sykes, ma nel pomeriggio, sotto un sole cocente e con temperature equatoriali, Jonathan Rea è tornato a svettare nella classifica dei tempi.

Tom Sykes ha dovuto accontentarsi, invece del terzo tempo, anche se è identico al crono di Leon Camier: esattamente 366 millesimi dalla pole provvisoria di Rea. In mezzo alle due Kawasaki si piazza una Ducati: ed è quella di Marco Melandri, che sembra aver risolto i problemi di "fiducia" che lo affliggevano e che ha portato la "rossa" al secondo posto in questo venerdì pomeriggio torrido.

La classifica combinata dei tempi vede però Tom Sykes al secondo posto davanti a Marco Melandri.

Bene anche Camier, dunque, con la MV Agusta 1000 F4, che precede l'altra Ducati, quella di Chaz Davies, autore del quinto tempo nel pomeriggio. Nella classifica di giornata, però, Chaz Davies è quarto proprio davanti a Camier.

Torna nella zona alta della classifica anche la BMW di Jordi Torres, che si piazza per il momento al sesto posto, davanti alla Ducati del Team Barni, con Xavier Forès, e alla Yamaha di Van der Mark.

La prima Aprilia è quella di Laverty, che chiude la giornata al nono posto e precede Alex Lowes  su Yamaha. Undicesimo crono per l'Aprilia di Lorenzo Savadori.

Quattordicesimo tempo per Raffaele De Rosa, davanti al sanmarinese Alex De Angelis. 

Riccardo Russo si piazza al diciottesimo posto. Da segnalare il rientro di Fabio Menghi, dopo il brutto infortunio dello scorso anno: è ventesimo nella classifica combinata del venerdì, con la Ducati del team di famiglia VFT, ma il fatto che sia in pista è già una vittoria.

Fanalino di coda, per ora, Ayrton Badovini, con la Kawasaki del team Grillini.

Qui i tempi del venerdì.

Qui i tempi della classifica combinata di oggi.