Cresce l’attesa per il round portoghese del mondiale Superbike: Portimao è un appuntamento importante per Jonathan Rea e Tom Sykes. I due piloti del Kawasaki Racing Team sono in vetta alla classifica iridata e stanno valutando le loro possibilità in vista del round portoghese. 

Il campione del mondo in carica Rea, dopo aver svolto un test privato a metà stagione, è fiducioso di costruire il suo ritmo il venerdì. Nonostante abbia qualche preoccupazione per le buche che si trovano sulla pista, il nord-irlandese ha vinto le ultime tre gare qui disputate.

UN CIRCUITO DI CARATTERE - “Sono contento di tornare a Portimao questo week end, si tratta di un fine settimana di gara dove davvero mi diverto”, ha detto Rea. “Il circuito ha carattere ed è divertente da guidare, ma negli ultimi anni ha davvero tante buche. Sarà importante ottimizzare il nostro set up per essere forti sulla gara completa. Abbiamo avuto un buon test privato a metà anno quindi sono sicuro che il venerdì possiamo iniziare con un buon feeling.

“Ho passato gli ultimi giorni qui in Portogallo con la mia famiglia, godendoci il meteo di Algarve e concentrandomi su quello che è un weekend molto importante per me. Il nostro obiettivo è quello di cercare di vincere le due gare”, conclude Rea.

SYKES VERSO IL RECORD - Il suo compagno di squadra Sykes potrebbe siglare il record di pole ottenute, dato che ne ha finora 42 a suo nome e se andasse a 43 raggiungerebbe il record di tutti i tempi. Sulla pista dove Sykes ha vinto due volte – nel 2012 e 2014 – il britannico è ansioso di tornare in sella alla sua Kawasaki.

 “Abbiamo avuto un’altra pausa estiva dopo la Germania e ho avuto il tempo per riflettere sull’anno e sento che sta andando bene”, ha spiegato Sykes. “Ho bisogno di lavorare su altre cose e, sinceramente, so che posso migliorare. In questo momento sono concentrato sul cambiare il mio stile di guida e ottenere un po’ di più dalla moto. Continueremo a lavorare su questo.

“Portimao è una pista che mi piace e dove ho ottenuto buoni risultati, ma il circuito adesso è irregolare. Non vedo l’ora di scendere in pista, soprattutto dopo aver trascorso altro tempo lontano dal tracciato dal round precedente”.