In una gara privata per motivi diversi dei suoi possibili protagonisti, è stato Chaz Davies ad approfittarne centrando una vittoria che tiene viva la lotta per il titolo di vice-campione del mondo. Tutta la corsa, in ogni caso, è stata caratterizzata da un meteo incerto, con una lievissima pioggerella che ha iniziato a cadere poco dopo la partenza. Verso metà corsa, poi, l’intensità dell’acqua è lievemente aumentata, ma mai così tanto da rendere necessario il cambio moto autorizzato dalla direzione gara.

Nella partenza con griglia invertita sono le due Yamaha di Alex Lowes e Michael Van Der Mark a prendere la testa della corsa, seguito dalla MV Agusta di Camier. Dietro di loro è subito infuriata la bagarre, che ha visto anche un pericoloso contatto tra la Ducati di Davies e la Kawasaki del neo-campione del mondo Rea. Lo stesso Rea che è stato costretto a ritirarsi poco dopo per la caduta di Eugene Laverty. Il pilota dell’Aprilia è finito per terra rimanendo quasi al centro del tracciato.

Un paio di piloti lo hanno sfiorato, ma il primo a passargli accanto è stato proprio Rea, che dopo il contatto si è fermato subito ai box, provando a cambiare uno stivale che evidentemente si era danneggiato. Subito dopo, però, Rea ha deciso di fermarsi perché aveva troppo dolore, ma anche la pedana della sua Kawasaki probabilmente era da sostituire. Nel frattempo Davies puntava forte alla testa della corsa e la guadagnava senza particolare fatica, superando la coppia di piloti Yamaha che è poi finita sul podio.

Alle sue spalle si era formato un terzetto di moto composto da Camier, Lowes e Van Der Mark. Camier, però, ha avuto un problema tecnico nelle fasi finali della corsa e si è ritirato. Domenica carica di problemi anche per Tom Sykes che ha chiuso settimo con la Kawasaki senza mai essere veloce e per Marco Melandri, che con evidenti problemi di guida della sua Ducati Panigale ha comunque concluso quinto dopo una bella lotta con Leandro Mercado e la sua Aprilia. Molto meglio è andata a Xavi Fores che ha terminato quarto nonostante problemi al cambio. La top ten, infine, è stata chiusa da Torres, Ramos e De Rosa.