Gara2 a Magny Cours è stata in salita per Marco Melandri, che non ha potuto disputare il warm up a causa di un problema tecnico e pertanto non ha potuto valutare i cambiamenti di setup da asciutto prima della partenza.

L’italiano della Ducati è partito bene ma ha faticato a districarsi nel traffico a causa di problemi di aderenza al posteriore. Pur evidenziando una prestazione in crescita, testimoniata dal giro veloce personale all’ultimo passaggio, Melandri si è dovuto accontentare della quinta posizione.

UN'OCCASIONE PERSA - "Il weekend tutto sommato è stato positivo. Le condizioni non erano facili ed abbiamo portato a casa punti, ma finire con il risultato peggiore lascia sempre un po’ di amaro in bocca", ha dichiarato Melandri dopo gara2.

"Le condizioni avrebbero potuto creare un’occasione da sfruttare, ma non siamo stati fortunati nel warm up, quando un problema tecnico ci ha impedito di girare", spiega Melandri.

"Cambiando moto, pur mantenendo il setup invariato, le sensazioni non erano le stesse. In gara ho faticato con il grip fin da subito, soprattutto in uscita dalle curve lente, perdendo il ‘treno’ buono.

"Ora andiamo a Jerez, una pista che mi piace molto, e l’obiettivo resta quello di tornare sul gradino più alto del podio”, conclude il ravennate.