Tom Sykes e Jonathan Rea hanno dominato la due giorni di test a Jerez, con il campione del mondo del 2003 Sykes in grado di siglare il miglior tempo, seguito da Rea nella classifica finale.

Il ritorno ai test del team Kawasaki ha fornito ottimi risultati per entrambi i piloti ufficiali in un'altra nuova era di regolazione tecnica. Sykes ha ottenuto un tempo sul giro di 1'38.889 che è stato il migliore del test, con Rea che ha fatto registrare un 1'39.470 oggi per assicurare a Kawasaki una doppietta nella prima opportunità di confrontare le prestazioni con la maggior parte dei rivali del 2018.
 
Con un limite massimo di 14.100 giri/min imposto alla Ninja ZX-10RR all'inizio della stagione 2018, entrambi i piloti hanno lavorato per massimizzare il potenziale delle nuove caratteristiche del motore. Hanno anche lavorato su alcune nuove idee e strategie per il prossimo test a Portimao tra qualche giorno.
 
Sykes, il campione del mondo del 2013, ha optato per uno pneumatico posteriore da qualifica verso la fine del test per siglare il suo miglior tempo assoluto, ma è stato anche veloce con un set di gomme da gara. Si è dichiarato soddisfatto della durata della gomma della sua Ninja ZX-10RR, anche con il ritmo elevato che ha mostrato.
 
SYKES: UNA MENTALITA' DIVERSA - "Ovviamente abbiamo usato una gomma da qualifica per fare il miglior tempo, ma l'abbiamo usata insieme a una gomma anteriore usata”, spiega Tom Sykes. Sono incappato in una piccola caduta e devo ringraziare i ragazzi della squadra perché hanno portato le sospensioni e tutto sulla seconda moto e sono tornato in pista per provare qualcos'altro. E ho fatto subito tempi fantastici. Penso che anche con le gomme da gara siamo stati i più veloci, ma non era quello l’obiettivo.

"Era importante capire la moto, e devo dire che sono molto contento delle nostre prestazioni anche su pneumatici molto usati. Anche se la moto si muove in queste condizioni, il tempo sul giro è buono. Sto decisamente puntando a guidare meglio e ho una mentalità diversa quest'anno. Non vedo l'ora di finire i test e dirigermi in Australia. Sento che siamo più preparati e pronti all'azione", ha concluso Tom Sykes.
 
REA: IMPORTANTE ESSERE PRONTI PER LA GARA - Il tre volte campione del mondo Rea, dopo la lunga pausa invernale, ha usato questo test per ritrovare il ritmo e migliorare il set-up della moto.

"Ho iniziato a sentirmi più a mio agio oggi”, ha detto Jonathan Rea dopo la seconda giornata di test.Non è che io abbia dimenticato come guidare, ma è strano andare così veloce. Abbiamo avuto una giornata positiva. Siamo riusciti a confermare molte cose e a riprendere un po' di fiducia. C'è ancora un po' di lavoro da fare, ma penso che il nostro passo sia abbastanza buono. Oggi non ho fatto molti giri al di fuori dell’1'40, il che è positivo.

"Non c'era tanto da provare, ma questo era più un test di assetto. E’ stato importante capire come funziona la moto perché la pista non è sicuramente nelle migliore forma rispetto al test di novembre. Quindi richiedeva una configurazione un po’ diversa. Per me è stato importante fare long run perché, per quanto sia bello essere ancora veloci, è più importante essere pronti per la gara”.

Dopo questa prestazione in Spagna, la squadra Kawasaki si trasferirà il 28 gennaio a Portimao, per altri due giorni di test.