I protagonisti del mondiale Superbike sono scesi sulla pista europea di Portimao per l'ultima volta prima di dirigersi al circuito di Phillip Island a febbraio. Nella seconda e ultima giornata di test all'Autodromo Internacional do Algarve, hanno continuato a lavorare per adeguare le moto ai nuovi regolamenti per il 2018 migliorandosi di giro in giro. Ma è stato ancora una volta Jonathan Rea a fermarsi sulla parte alta della tabella dei tempi, con il miglior crono in 1.41.485.

Il vento, più forte della prima giornata, non ha spaventato i piloti, che si sono misurati a colpi di decimi. Basti pensare che Rea ha concluso a soli 0,138 davanti ai suoi rivali, siglando il suo stint più lungo all'inizio della giornata. Dall’altra parte del box Kawasaki, il suo compagno di squadra Tom Sykes ha chiuso al quinto posto assoluto. Il pilota britannico è stato in grado di impostare il miglior crono in 1.42.312.

LE SORPRESE - Leon Camier e la sua Honda Red Bull ha continuato a mietere riscontri positivi, e alla fine della giornata hanno sorpreso tutti siglando il crono di 1.41.623, dopo aver siglato oltre 50 giri. Il compagno di squadra di Camier, Jake Gagne, ha avuto una giornata più tranquilla, e il suo team ha deciso di terminare il test a mezzogiorno anche per via di una caduta - la prima dell'anno - nella quale l'americano è incappato.

Michael van der Mark sulla Yamaha ufficiale e e Toprak Razglatioglu sulla Kawasaki Puccetti Racing hanno impressionato in questo secondo giorno in Portogallo, con l'olandese in quarta posizione e  l'esordiente turco immediatamente alle sue spalle, nonostante una caduta nel primo pomeriggio. Il compagno di squadra di van der Mark, Alex Lowes è salito in cima alla tabella dei tempi nell’ultima mezz'ora di test, terminando in terza posizione con un tempo sul giro di 1.41.633.

LE ITALIANE - La prima delle due Aprilia è in ottava posizione, con Eugene Laverty, mentre Lorenzo Savadori si è assestato in diciassettesima piazza.

Nel box Ducati, Chaz Davies e Marco Melandri hanno continuato a lavorare sul setup delle loro Panigale R, per adeguarla ai regolamenti del 2018, dopo un primo lavoro iniziato a Jerez e hanno concluso la giornata rispettivamente in nona e in decima posizione. Quindicesima piazza per l’esordiente Michael Ruben Rinaldi.

Bene anche la MV Agusta di Jordi Torres, che si piazza di poco fuori dalla top ten.