Al termine della Superpole 1, che ha visto Lorenzo Savadori e Toprak Razgatlioglu entrare tra i migliori 12 in grado di giocarsi le prime quattro file sulla griglia di partenza, è andata in scena a Buriram la seconda e decisiva sessione di qualifiche.

GEMELLI - A spuntarla, con un giro perfetto, è stato il campione del mondo in carica Jonathan Rea (1’32”814) che ha portato in pole position la sua Kawasaki ufficiale. Le “verdone” si trovano particolarmente a loro agio, sul circuito thailandese, visto che il suo compagno di squadra Tom Sykes è stato autore di un tempo quasi “fotocopia”, lontano soli tre centesimi dal nordirlandese e in grado di assicurargli il secondo tempo.

OK HONDA E MV - A chiudere la prima fila, un sempre più consistente Leon Camier, che sta sfruttando al meglio il lavoro fatto al box sulla Honda CBR, finalmente nelle zone top della classifica. Camier ha chiuso a un decimo dal duo Kawasaki, seguito in quarta posizione dall’altra sorpresa di giornata, Jordi Torres, in sella alla MV Agusta: anche per lo spagnolo un decimo di distacco mentre a chiudere la top five c’è il connazionale Xavi Fores, primo dei piloti Ducati in griglia.

TUTTI VICINI - Sesta piazza per Alex Lowes con la Yamaha, poi Melandri (a due decimi), Laverty, Davies, Van der Mark e Savadori. Tutti questi piloti sono racchiusi in soli sei decimi di secondo: segno che la gara sarà apertissima è che è previsto uno spettacolo degno della migliore SBK.