Weekend di gara da incorniciare quello sul circuito di Buriram per il team Barni, che ha visto il suo alfiere Xavi Forés conquistare un secondo e un quinto posto nelle due gare thailandesi, per raggiungere un terzo posto nella classifica complessiva del mondiale.

La gara - Forés ha affrontato il circuito di Buriram dolorante al mignolo del piede destro dopo una caduta durante le prove di venerdì, e nella gara di domenica è partito dalla terza fila a causa del secondo posto ottenuto in Gara1, ma ciò non gli ha impedito di mantenere un buon ritmo e transitare in settima posizione già dopo il primo giro. In seguito alla rimonta, il portacolori del team Barni si è trovato dietro ad una pattuglia di piloti molto agguerriti, formata da Eugène Laverty, Jonathan Rea, Marco Melandri, Chaz Davies e Léon Camier e ha cercato di guadagnare una posizione di vantaggio scavalcando dapprima Laverty al terzo giro con un sorpasso esterno, per poi raggiungere e superare anche Camier.

All’ottavo giro il pilota spagnolo si è trovato alle spalle del campione del mondo Jonathan Rea: è riuscito ad incrociare la sua traiettoria e a superarlo, portandosi al quarto posto e puntando ai gradini del podio. Con un paio di secondi abbondanti da recuperare su Lowes, Xavi Forés ha registrato il suo giro veloce, di 1’33.805.

Negli ultimi cinque giri, la Panigale R del team bergamasco ha cominciato ad avere problemi alle gomme, costringendo Forés ad alzare il ritmo e a retrocedere in quinta posizione proprio sotto la bandera a scacchi, a causa di un sorpasso di Jonathan Rea.

Un piazzamento positivo - “Il risultato della seconda gara non è stato positivo come quello della prima, ma va benissimo”, ha detto Marco Barnabò, principal manager del Barni Racing Team. “Partire dietro ha penalizzato molto Xavi che per cercare di recuperare ha dovuto spingere forte per tutta la gara e non ha potuto gestire le gomme.

"Nella parte finale ha sofferto molto all’anteriore, la guida era diventata davvero difficile quindi ha fatto bene ad accontentarsi del quinto posto. Un piazzamento che ci porta a essere terzi nel mondiale a soli nove punti da Rea e questo davvero non ce lo aspettavamo. Essere partiti così bene ci dà grande fiducia e ancora più motivazioni per le gare future”, ha concluso il principal manager.

Questione di feeling - Anche il pilota si è dichiarato soddisfatto. “E’ stata una gara molto più dura rispetto al sabato. Il feeling con la moto non era lo stesso, facevo molta fatica con l'anteriore”, ha dichiarato Forés, che nonostante le difficoltà è riuscito a guadagnare undici punti in Gara2. Sommati ai venti della prima, portano lo spagnolo Forés in una impronosticabile terza posizione nel mondiale, a soli 9 lunghezze dalla vetta.

Il pilota del team Barni si presenterà sul circuito di casa con un totale di sessanta punti al weekend, previsto dal 13 al 15 aprile sul circuito di Aragon. “Il quinto posto va benissimo per la classifica mondiale”, ha dichiarato Xavi Forés. “Temevo molto questa pista e invece abbiamo fatto un ottimo lavoro. Ora pensiamo alla gara di casa”, ha concluso.