Dopo l’incidente sul circuito di Aragon, che lo ha costretto ad un recupero di tre settimane, il pilota Honda è pronto a tornare in pista per l’appuntamento italiano di questo weekend.

“Il recupero è stato stancante, ma il duro lavoro ha pagato”, ha detto Camier.

La caduta durante l’appuntamento spagnolo del mondiale Superbike ha causato a Leon Camier una contusione polmonare e la frattura di alcune costole, imponendogli una pausa forzata di recupero e l’astensione dal round olandese di Assen.

Dopo aver trascorso tre settimane di riabilitazione con ottimi risultati, Leon Camier è stato dichiarato idoneo a correre questo weekend per il quinto appuntamento del Campionato sul circuito italiano di Imola, tracciato sul quale il pilota inglese vanta un buon passato, con un sesto posto lo scorso anno e un podio nella stagione 2013.

Camier si è dichiarato pronto a tornare sulla Honda CBR1000RR Fireblade SP2 su un circuito notoriamente tecnico, che gli permetterà di portare avanti l’ottimo inizio di stagione a fianco del suo compagno di squadra Jake Gagne, anche lui molto motivato dopo un difficile weekend olandese.

“La strada è stata lunga, ma il mio recupero è andato veramente bene e tutto lo staff medico mi ha dichiarato idoneo per salire in moto domani nella prima sessione di prove libere”, ha spiegato Leon Camier.

“Il recupero è stato più stancante di un normale weekend di gara perché ho provato ogni tipo di trattamento al fine di essere pronto per questo round.

"Nonostante abbia ancora un po’ di dolore, posso partecipare alle FP1, ha continuato. “Il vero test sarà sulla moto, quindi rivedremo le mie condizioni dopo la sessione per capire se posso continuare per il resto del weekend di gara, ma ho avuto un buon recupero e sono motivato, quindi non ci resta che vedere come andrà domani”, ha concluso il pilota Honda.