Gara2 amara a Imola per Marco Melandri, che è stato colpito da Van der Mark in fase di staccata mentre era in quarta posizione. Si è trattato di un contatto che fortunatamente non ha avuto conseguenze fisiche di rilievo, ma che ha costretto Melandri al ritiro.

“È stata una giornata sfortunata, perché nel warm up eravamo riusciti a fare un altro passo avanti con l'assetto, che ci consentiva di essere leggermente più costanti e veloci in gara”, ha dichiarato Melandri. “Purtroppo fatichiamo ancora in staccata, soprattutto a serbatoio pieno, e questo ci penalizza nei sorpassi. Il terzo posto era pienamente alla nostra portata, ma sfortunatamente Van der Mark mi ha colpito in frenata e la mia gara non ha potuto proseguire".

Il podio di Gara 1.  Melandri ha ottenuto un bel terzo posto nella prima frazione di gara, il sabato. Il ravennate, quarto in qualifica, è stato protagonista di una buona partenza lottando nel gruppo degli inseguitori nelle fasi iniziali, per poi prendere vantaggio grazie anche ad un passo di gara sempre migliore, cogliendo così il suo quarto podio stagionale. 

“Tutto sommato possiamo essere soddisfatti, perché non avrei potuto fare di più”, aveva dichiarato Melandri dopo il podio. “È stata una gara veramente dura, nelle fasi iniziali ho faticato con il serbatoio pieno e non era possibile tenere il passo delle Kawasaki. Ci ho provato in tutti modi, ma ero al limite ed ho commesso un paio di errori. Da metà gara in poi invece siamo stati molto veloci, quindi dobbiamo analizzare al meglio i dati. Intanto voglio ringraziare i tifosi per il loro sostegno, l'atmosfera qui è sempre incredibile. Questo podio è per loro".

Verso Donington - Melandri è già concentrato sulla prossima gara, in Inghilterra.

“Guardando avanti, Donington è una pista che mi piace molto e la moto continua a crescere quindi possiamo fare bene, ma dobbiamo riuscire ad essere più efficaci con gomme nuove", dichiara il ravennate della Ducati.