Era commosso Michael Van der Mark mentre sentiva risuonare il suo inno nazionale sul gradino più alto del podio di Donington, ma a ragion veduta: è il primo pilota olandese a conquistare una vittoria nel mondiale Superbike. Il portacolori della Yamaha ha sorpreso tutti a Donington, sconfiggendo i favoriti della Kawasaki, Jonathan Rea e Tom Sykes, reduce dalla sua pole numero 44 che lo ha proiettato in cima alla classifica delle Superpole.  Era dalla gara di Algarve nel 2011 che la Yamaha non saliva sul gradino più alto del podio.

Lungo anche il predominio britannico a Donington: era dal 2012 che le vittorie erano monopolizzate dai piloti inglesi. E dopo le prove libere e le qualifiche in pochi avrebbero scommesso su una vittoria di van Der Mark.  

L'olandese ha sorpassato sia Jonathan Rea, al comando per i primi cinque giri, che Tom Sykes, in testa per altre nove tornate e li ha lasciati a contendersi i gradini laterali del podio, con il nordirlandese in seconda posizione e il "Superpoleman" in terza.

E’  stata una gara molto combattuta, e Van der Mark è stato bravo a chiudere tutte le porte agli inseguitori.

Aprilia nella top 5 - Dietro alla battaglia per il podio, Alex Lowes ha concluso al quarto posto, conquistando un fantastico traguardo nella sua gara di casa e prenderà il via dalla pole in gara2.

Grande gara anche per Lorenzo Savadori: in sella all’Aprilia Milwaukee ha finalmente trasformato le prove di qualificazione in un ottimo risultato gara, arrivando a Donington in quinta posizione, davanti al suo compagno di squadra Eugene Laverty.

Ducati in difficoltà - Giornata no, invece, per Ducati, con Chaz Davies che è riuscito a inserirsi in ottava posizione; Marco Melandri è caduto a cinque giri dalla fine mentre era in undicesima posizione: rientrato, concluderà fuori dalla zona punti. Dodicesima piazza, invece, per Michael Ruben Rinaldi dello Junior Team Ducati. Peccato per il ritiro di Fores, che ha preso la via della pitlane dopo tre giri, mentre era in 21esima posizione.

La top ten - Loris Baz sulla BMW si è piazzato in settima posizione, con Leon Haslam su Kawasaki Puccetti Racing al nono posto dopo un'emozionante battaglia con il suo compagno di squadra a Donington, Toprak Razgatlioglu, caduto all’ultimo giro. A completare la top ten Leon Camier sulla Honda, alla sua prima gara dopo il recente infortunio.

Qui l’ordine di arrivo di gara1.