Weekend di alti e bassi sul circuito di casa per Tom Sykes, che si è aggiudicato il record di Superpole durante la giornata del sabato, portandosi a quota 44 partenze al palo (leggi qui).

In gara1 ha concluso con un forte terzo posto, alle spalle del compagno di squadra Jonathan Rea, partito alle sue spalle in griglia di partenza ma in Gara2 ha concluso addirittura in sesta posizione. Un risultato al di sotto delle aspettative, soprattutto considerando che sul circuito di Donington Sykes ha il record di nove vittorie consecutive, l’ultima in gara1 dello scorso anno.

Gara1 - Il pilota Kawasaki ha guidato la gara con determinazione dal sesto al quattordicesimo giro, prima che i problemi di trazione posteriore facessero diminuire il suo ritmo, consentendogli comunque di aggiudicarsi un podio, chiudendo a 2.193 secondi dalla vittoria, con quattro secondi di anticipo sul quarto classificato Alex Lowes.

“È una grande soddisfazione personale ottenere un nuovo record di Superpole, perché lo considero un titolo che si basa puramente sulla velocità, ciò significa che sono il pilota più veloce in pista: è un record piacevole da avere, ed è qualcosa di cui essere orgogliosi. In gara volevo solo rimanere nella posizione di testa e all'inizio ci stavo riuscendo, ma per qualche ragione nel mezzo della gara ho iniziato ad avere problemi di spinning al posteriore”, ha spiegato Tom Sykes.

“Penso di essere riuscito a gestirli bene e che abbiamo dato il massimo delle nostre potenzialità. Michael Van der Mark aveva un grip incredibile ed è riuscito a passare senza problemi, ma questo podio è comunque un buon risultato, aveva concluso il pilota Kawasaki al termine del round di sabato.

Gara2 - Nella seconda gara del weekend Tom Sykes ha chiuso sesto, trovando difficoltà nel competere come avrebbe voluto anche a causa della scelta della gomma posteriore. L’utilizzo dello stesso pneumatico standard usato nella gara di sabato ha penalizzato il pilota britannico, che è comunque riuscito nei giri finali a vincere una battaglia corpo a corpo contro Lorenzo Savadori.

“La scelta delle gomme è stata sbagliata: abbiamo continuato con la gomma posteriore standard. Gli altri davanti invece avevano la gomma più grande, e abbiamo sofferto molto con la trazione. Sono molto deluso per questo”, ha commentato Tom Sykes dopo la gara di domenica.

“Sentivo che avevamo la velocità per essere più avanti, invece ho lottato con Savadori, e in quel momento i tempi su giro non erano ottimali. Ho sofferto anche per il vento nella parte alta di Hollywood. So dove andare veloce a Donington, ma non sono riuscito ad aprire l'acceleratore come in passato, quindi dovremo regolare l’assetto della moto. Oggi non è stata la giornata che avevo previsto, ma per fortuna ci aspettano bei tracciati”, ha concluso.

Dopo il weekend di Donington Park, Tom Sykes si trova al quarto posto della classifica generale, 163 punti, a pari merito con l’autore della doppietta britannica Michael Van der Mark.