Jonathan Rea si è visto soffiare la Superpole un paio d'ore prima della gara dal suo compagno di squadra Tom Sykes, che ha infilato la settima partenza al palo consecutiva, ma il campione in carica non si è perso d’animo. Gli è stata sufficiente una partenza delle sue per prendere subito il comando soprendendo proprio Tom Sykes. Il nordirlandese della Kawasaki si è dimostrato ancora una volta imbattibile e ha preceduto sul traguardo la Ducati di Chaz Davies e l’Aprilia Milwaukee di Eugene Laverty.

Rea è stato l'unico pilota a girare sul passo dell’l’1’’'34  all'inizio della gara, aprendo subito un gap di sicurezza con gruppo di inseguitori. C'è stata molta azione dietro di lui nei primi giri, con Laverty e Davies, con quest’ultimo scattato bene dal settimo posto in griglia, e con Michael van der Mark subito in lotta per il podio con una partenza sbalorditiva dall'undicesima casella.

Con Rea che si è involato al comando, Davies è riuscito a raggiungere l'Aprilia al 16 ° giro. Laverty è andato largo alla curva 16, un errore che Davies ha sfruttato subito sopravanzando l'Aprilia. È la terza seconda posizione consecutiva di Davies.

Mentre l’Aprilia RSV4 RF del suo compagno di squadra Lorenzo Savadori ha sofferto una carenza di prestazioni nell'ultimo terzo di gara, non ci sono stati problemi di questo tipo per Laverty, che ha conquistato il suo secondo podio consecutivo: un bel ruolino di marcia per il pilota irlandese che era stato per quattro anni lontano dalla top 3.

Van der Mark ha disputato una gara eccellente concludendo quarto, a meno di cinque secondi. Ha tagliato il traguardo davanti a Sykes e partirà dalla pole domani, con l'inglese che è riuscito a superare il quinto dopo essere partito dalla prima fila.

LA TOP TEN - Il portacolori del team Barni Xavi Fores, in livrea speciale "tricolore" per la gara di Misano, è stato il miglior pilota indipendente in Gara 1, arrivando in sesta posizione, davanti ai due piloti di casa Marco Melandri e Lorenzo Savadori.

Leon Camier sulla Honda ha concluso al nono posto davanti all’argentino Leandro Mercado sulla Kawasaki Orelac Racing. Da segnalare la doppia caduta di Alex Lowes che fino ad oggi era l'unico pilota ad essere andaato sempre a punti.

Qui i risultati di gara1.